Ore frenetiche in casa Inter. C'è il mercato di gennaio a tenere banco ormai già da settimane, nonostante il 2019 non sia ancora ufficialmente concluso. Fra poche ore nelle case degli italiani si darà il benvenuto al nuovo anno, mentre ad Appiano Gentile già si pensa al Napoli. Ma non solo. C'è, appunto, da puntellare la rosa, perché il primo poso in coabitazione con la Juventus responsabilizza ancora di più i nerazzurri. Un percorso di rilancio iniziato con Suning, che ha rialzato la testa con Luciano Spalletti e che ora si aspetta i fuochi d'artificio da Antonio Conte. Fin qui, almeno in Italia, tutto è andato oltre le più rosee aspettative.

Il primo rinforzo che la proprietà vuole dare al proprio allenatore è un centrocampista con qualità, personalità e, soprattutto, gol. L'identikit corrisponde esattamente a quello di Arturo Vidal, 32enne cileno che ha in Conte il proprio mentore. L'ex Leverkusen le sta provando tutte pur di lasciare il Barcellona: Valverde lo vede poco, lui è stufo e ha deciso di sposare la causa Inter, andando allo scontro totale con i catalani. Quello tra il centrocampista e i nerazzurri sarebbe un matrimonio ritardato di un anno e mezzo. Nel luglio 2018, infatti, Re Artù fu vicinissimo a vestire la maglia dell'Inter: il tavolo era apparecchiato, con l'accordo con il Bayern già trovato sulla base parecchio conveniente di un prestito con diritto di riscatto fissato a 22 milioni. Per lui, invece, pronto un contratto fino al 2020 da 4,5 milioni a stagione. L'agente Fernando Felicevich, dopo che il calciatore aveva svolto alcune visite mediche preliminari a Monaco di Baviera per conto dei nerazzurri, arrivò a Milano per ratificare l'affare, ma poi tutto saltò improvvisamente: l'Inter si tirò indietro sul più bello e mollò la presa. Ignoti i motivi, sebbene tutti ricordiamo la telenovela Modric e poi l'arrivo di Keita Baldé ad occupare l'ultimo slot di extra-UE disponibile.

L'affare Sanchez, evidentemente, questa estate ha riavvicinato Felicevich a Suning. Dimenticato lo 'sgarbo' dell'estate 2018, si sta lavorando alacremente per celebrare questo benedetto matrimonio. Una bella spinta la stanno dando sicuramente anche gli ottimi rapporti che legano Vidal a Conte e anche a Marotta. Il cileno ha una voglia matta di rilanciarsi nella Serie A e la sfida di vincere qualcosa di importante con la maglia nerazzurra lo stimola. Quella maglia che aveva già scelto un anno e mezzo fa nonostante la corte di altre big europee (Manchester United su tutte). Lo spumante è in fresco, i botti anche. Vedremo se stavolta il finale sarà diverso rispetto all'estate 2018 oppure se quello tra Vidal e l'Inter resterà solo un altro rimpianto.

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - MARCOS ACUNA, UNA NUOVA FRECCIA A SINISTRA

Sezione: Editoriale / Data: Mar 31 dicembre 2020 alle 00:00
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print