Lunedì, nel Comitato Esecutivo della Uefa, verrà illustrato il nuovo format della Champions League che prenderà il via dalla stagione 2024/25. Come spiega il Corriere dello Sport, l'aumento delle partite nella competizione cancellerà la consueta pausa invernate tra metà dicembre e metà febbraio. A quanto pare, la Uefa e l'Eca hanno in questi giorni trovato un accordo sulle ultime divergenze e il progetto è pronto a partire.

Le partecipanti aumenteranno da 32 a 36. "Gli incontri della fase a gironi passeranno dagli attuali 96 a 180, dunque 84 in più - spiega il CdS -. In aggiunta però ci saranno anche 16 match di andata e ritorno che decreteranno i nomi di 8 delle squadre che andranno agli ottavi. E già noto, infatti, che le 36 partecipanti saranno inserite in un unico raggruppamento e non divise come adesso in gironi da 4; dopo che ognuna avrà disputato i suoi 10 incontri (5 in casa e 5 in trasferta) sarà stilata una classifica finale: le prime 8 voleranno agli ottavi; quelle piazzate dal nono al sedicesimo posto avranno il vantaggio di disputare il secondo match in casa negli spareggi contro le classificate dal diciassettesimo al ventiquattresimo posto. Le perdenti finiranno in Europa League. Gli spareggi saranno giocati a febbraio visto che gli ottavi dal 2024 in poi non saranno più spalmati su 4 settimane, ma solo su 2 (a marzo). A gennaio invece ci saranno le partite del group stage". Infine, i 4 posti in più in Champions saranno dati uno alla quinta nazione del ranking Uefa (attualmente la Francia che ha 2 qualificate dirette e una ai preliminari; nel 2024 ne avrà 3 dirette), uno alla prima nazione del ranking (l'undicesima) che non qualifica direttamente nessuna squadra al group stage e gli ultimi due andranno alle società qualificate all'Europa League o alla Conference League che negli ultimi 5 anni hanno avuto il miglior ranking Uefa per club.  

VIDEO - AMARCORD INTER - 16/04/2010: IL SOMBRERO DI MAICON ALLA JUVENTUS

Sezione: Copertina / Data: Ven 16 aprile 2021 alle 10:56 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print