Non è passata inosservata l'ennesima uscita social della coppia Icardi-Nara. "Icardi guarda dall’alto gli uffici dei vertici nerazzurri, a cominciare da quello del presidente Steven Zhang. Non può sfuggire la strategia mediatica della coppia più social del calcio - sottolinea la Gazzetta dello Sport -. Il suo club gli chiede di scegliere in fretta tra Monaco e Napoli, avendo davanti agli occhi due offerte ritenute congrue da 65 milioni? Non gli importa. La risposta è nei fatti: nessun cambio d’indirizzo. O meglio, il centravanti argentino e la sua famiglia stanno bene all’Inter, fanno eccezione solo per la Juventus... E proprio questo è il punto di caduta di questa storia. La famiglia Zhang ha concordato nei dettagli la linea con il management e con l’allenatore Conte. L’ex capitano non viene più ritenuto al centro del progetto tecnico. Né convincono le continue professioni di fede verso i colori nerazzurri. Anche per questo lo show fotografico di ieri non ha certo aiutato a svelenire l’atmosfera. E gli atteggiamenti sono sempre più rigidi".

E poi c'è l'enigma del numero di maglia, dopo lo 'scippo' del 9 da parte di Lukaku. "Il regolamento della Lega di Serie A dà tempo sino a mezzogiorno di domenica per presentare la lista provvisoria dei giocatori candidati a scendere in campo lunedì 26 nel posticipo con il Lecce a San Siro - spiega la rosea -. In teoria Icardi potrebbe restare fuori dall’elenco anche per la seconda giornata. Ma il passaggio finale è quello del 3 settembre, cioè a mercato chiuso. L’oggi ci consegna solo tanti veti e una paralisi pericolosa per tutti. Anche la Juve, detentrice del patto con Maurito, fatica a portare a termine la dieta in attacco e non intende scambiare Dybala con il centravanti nerazzurro in uscita. Con queste premesse è difficile scongelare Maurito, ma a 12 giorni dal gong sarebbe imprudente considerare troppo in fretta già chiusa questa stranissima partita".

VIDEO - I CILENI ALL'INTER - DAVID PIZARRO, LA GRANDE ILLUSIONE

Sezione: Rassegna / Data: Mer 21 Agosto 2019 alle 09:34 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print