"L’uomo della Champions nerazzurra non segna ma regala la coppa con il corpo, con le mani, con il cuore. Radja Nainggolan firma al minuto 81 (proprio come Vecino un anno fa alla Lazio) il 2-1 che fa scoppiare l’urlo di San Siro, ma Samir Handanovic, il capitano di una stagione e soprattutto di un finale di campionato da pazza Inter, si prende la copertina con 99 minuti da leggenda". Lo scrive oggi la Gazzetta dello Sport, che loda in modo totale il portiere nerazzurro. "Tanti interventi decisivi, iniziando nel primo tempo su Caputo e poi a metà ripresa su Farias, ma soprattutto l’allungo formidabile su Ucan tutto solo davanti alla porta interista al 92’ - sottolinea la rosea -, una manciata di secondi dopo il salvataggio di D’Ambrosio sulla traversa. Samir migliore in campo è la foto più giusta di questa annata interista, cominciata con una squadra considerata come l’anti-Juve e finita tra troppe paure, dopo aver visto sfuggire d’un soffio tutti gli obiettivi, svaniti uno a uno davanti al tifo di San Siro".

Sezione: Rassegna / Data: Lun 27 maggio 2019 alle 09:55 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print