"Un risultato che va oltre i demeriti della squadra. Onore al merito dei vincitori e no al disfattismo". Questo il pensiero di Filippo Galli intervistato dalla Gazzetta dello Sport dopo il ko del Milan nel derby.

Dunque non è stato un ridimensionamento?
"È un momento di difficoltà, su questo non si discute. Ma le ultime cadute non possono cancellare quanto di buono il Milan ha fatto vedere nei mesi scorsi".

C’è il rischio che, dopo tanto entusiasmo, un gruppo così giovane si deprima?
"Sarà fondamentale il lavoro di Pioli e quello dei “saggi” nello spogliatoio, saranno loro a dover riaccompagnare i più giovani verso la serenità dei mesi passati. Penso a Ibra, Kjaer, ma anche a Romagnoli: l’età pesa ma pure il numero di partite giocate con quella maglia".

Scudetto ancora possibile?
"Il traguardo è quello dichiarato da società e allenatore, arrivare in Champions. Ma con uno sguardo allo scudetto. Chiaro che l’Inter ora è la favorita, ha una regolarità incredibile. Il derby può fare da propulsore".

E non gioca le coppe. L’Europa League: opportunità o fastidio?
"Porta via energie ma il Milan deve avere una dimensione internazionale".

VIDEO - "LULA" DA URLO, ANCHE PER TRAMONTANA: DOMINIO INTER NELLA STRACITTADINA

Sezione: Rassegna / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 10:56 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print