Il Corriere dello Sport analizza i primi mesi da interista di Antonio Conte e sottolinea il ritorno dei nerazzurri nella lotta per il titolo. "Il primo dato che balza all’occhio è quello dei punti conquistati: adesso sono 48, mentre 12 mesi fa erano 40. Il +8 è particolarmente significativo a dispetto dei 5 pari ottenuti nelle ultime 7 giornate - si legge -. Se l’Inter non si fosse fatta sistematicamente raggiungere sull'1-1 nelle tre sfide contro Atalanta, Lecce e Cagliari, adesso la classifica avrebbe un volto ancora migliore e il divario rispetto al rendimento del 2018-19 sarebbe stato maggiore. Il distacco dal primo posto occupato dalla Juventus adesso è di sole 3 lunghezze, mentre la scorsa annata il gap sempre dai bianconeri era di ben 19. D’accordo, la distanza si è ridotta anche per colpa di Bonucci e compagni che hanno sensibilmente rallentato il loro passo (-8 punti), ma i nerazzurri (e Conte) hanno comunque indubbi meriti. Ma c’è di più: l’ex allenatore del Chelsea per adesso ha perso una sola volta, contro la Juventus, mentre dopo 21 turni Spalletti aveva già incassato 5 ko. L’ex ct inoltre ha reso l’Inter una macchina da gol visto che le reti realizzate sono già 42 contro le 31 della scorsa annata. Spalletti ha fatto meglio quanto a gol subiti (15 contro 18) e quando a incontri con la porta inviolata (11 contro 7). Adesso però Conte ha la miglior difesa del torneo, mentre 12 mesi fa Lucio era comunque dietro alla Juve (12)". 
 
Anche per i punti siamo ai massimi livelli. "Per trovare un punteggio migliore bisogna tornare indietro al 2009-10, l’anno del Triplete, quando Mourinho i punti conquistati erano stati 49, con più reti segnate (45), ma più gol al passivo (19). Lo Special One aveva fatto gli stessi punti anche la stagione precedente, mentre Mancini ne aveva totalizzati rispettivamente 57 e 53 nel 2006-07 e nel 2007-08". 

Sezione: Rassegna / Data: Mer 29 Gennaio 2020 alle 10:16 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print