Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l'ex rossonero Massimo Ambrosini ha parlato in vista del derby di Milano.

Lei attualmente è opinionista a Sky. Da addetto ai lavori, che cosa pensa di Giampaolo?
"Mi piace perché conosce molto bene il calcio. E’ un lavoratore maniacale e le sue squadre hanno idee precise. E’ un grande pregio: alcuni tecnici fanno fatica a trasmetterle. Va valutato in un arco temporale che non può essere breve. E’ giusto che chieda tempo e concordo quando dice che andrà avanti per la sua strada: i suoi principi li deve portare avanti, anche se in realtà è già dovuto scendere a qualche compromesso. Spostare un giocatore o fare certi adattamenti che stiamo vedendo, dimostra che ha già iniziato a confrontarsi con certe dinamiche".

Il derby del cuore?
"Il primo (marzo 1996, ndr). Ho ancora nella mente il colpo d’occhio di San Siro, ero un ragazzino, perdemmo ma che emozione. E poi ovviamente quello che ci portò in finale di Champions".

Questa sfida come la vede?
"Molto equilibrata. Per quanto riguarda il Milan, è più facile giocare bene contro le grandi squadre, perché hai più spazi".

Sezione: Rassegna / Data: Ven 20 Settembre 2019 alle 10:04 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print