I destini di Alexis Sanchez e Arturo Vidal finalmente si incrociano, a distanza di nove anni. I due cileni infatti si sarebbero già potuti incrociare ai tempi in cui il Niño Maravilla vestiva la maglia blaugrana. Il Barça però declinò la proposta di Fernando Felicevich che, dopo aver concluso l'affare Sanchez, provò a portare in Spagna anche il classe '87 che in quel momento vestiva la casacca del Bayer Leverkusen. Mundo Deportivo svela infatti un retroscena del passato del Guerriero, che dopo il no blaugrana, sbarcò a Torino dove, conobbe proprio Antonio Conte. Nel meeting tra l'agente cileno e la dirigenza blaugrana, Felicevich - si legge - tirò fuori dalla valigia un fascicolo con i numeri dell'allora ventiquattrenne Arturo Vidal che vantava il 100% di accuratezza nei calci di rigore, un rapporto persino più alto rispetto a quello di Leo Messi che nella stagione 2010-11 vantava il 75% di accuratezza. "Arturo aveva segnato gli otto che ha girato con il Bayer, mentre Leo ha mancato due degli otto tra FC Barcelona e Argentina". Nel 2018 quando il Guerriero fu acquistato dal club catalano, il Niño veniva acquistato dal Manchester United, "il destino li ha ora riuniti entrambi all'Inter con Antonio Conte". 

VIDEO - ACCADDE OGGI - IL SINISTRO DI CORSO REGALA LA PRIMA INTERCONTINENTALE ALL'INTER

Sezione: News / Data: Sab 26 settembre 2020 alle 11:24 / Fonte: Mundo Deportivo
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print