"Nelle ultime partite non è riuscita a chiudere le gare che erano alla portata. E' una cosa un po' strana perché generalmente l'Inter è preparata meglio dal punto di vista fisico, forse ha inciso l'aspetto mentale". E' l'analisi di Stefano Vecchi a Radio Sportiva dopo il pari di ieri tra Hellas e Inter.

Vecchi ha parlato anche della posizione di Antonio Conte. "Non mi sembra di non vedere l'impronta dell'allenatore. Per larghi tratti l'Inter ha dominato le partite, purtroppo ha avuto dei cali di tensione ed è mancata la mentalità per tutti i 90 minuti. Le sue dichiarazioni credo siano volte ad una reazione della squadra. In questi anni l'Inter ha passato anni difficili e adesso, con Conte, l'impressione è di essersi avvicinati ulteriormente ai primi posti. Il prossimo dev'essere l'anno del salto decisivo, magari con un altro sforzo di mercato. I giovani dell'Inter? Non è semplice imporsi ed essere subito pronti, molti vengono mandati a giocare da altre parti per farsi le ossa".

Sezione: News / Data: Ven 10 luglio 2020 alle 11:38
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print