Dalle pagine del Corriere della Sera, Mario Sconcerti, volto noto del giornalismo sportivo, ha detto la sua riguardo all'approdo di Gian Piero Gasperini sulla panchina dell'Inter: "La mia sintesi sulla questione è che si tratta dell'ultimo arrivato in fondo a un lungo elenco, ma di un ottimo tecnico. Il problema non è lui, è quanto la vecchia Inter di Mancini-Mourinho-Leonardo saprà adattarsi a lui e al suo calcio fatto di movimenti verticali, molto veloci. Non è un fenomeno - prosegue -ma non lo era nemmeno Leonardo e continuo a credere non lo sia nemmeno Allegri. Molto dipende dalla squadra e da come la società aiuta il tecnico con i giocatori. Gasperini ha un gioco aggressivo non ancora equilibrato - spiega Sconcerti -.

Due anni fa al Genoa ha avuto la peggior difesa (61 reti subite, quasi due a partita), ma in casa ha dato spettacolo. Arrivati a questo punto della strada è giusto dargli fiducia. Ma se sia più un vantaggio o un peso veramente non lo so...".

Sezione: News / Data: Mer 29 giugno 2011 alle 14:12
Autore: Daniele Alfieri
vedi letture
Print