"Il tema stadio per la Fiorentina è chiuso". Lo scrive il club toscano in una nota ufficiale dopo la comunicazione ricevuta oggi da parte del MIBACT a firma del Direttore Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, secondo cui il Franchi non si può abbattere. "Con la nuova Legge Salva Stadi credevo che per il calcio italiano, specialmente in questo momento di grave crisi per tutto il Paese, il Governo potesse prendere una direzione più utile per il futuro del sistema calcio e l’economia italiana in generale - ha dichiarato Rocco Commisso, presidente della Viola -. Purtroppo, vedo che c’è più interesse a conservare una struttura fatiscente di cemento armato di 90 anni che permettere ai tifosi di assistere a un evento sportivo con tutti i servizi moderni e i comfort di uno stadio all’avanguardia che Firenze avrebbe meritato. Ora immagino che la burocrazia italiana insieme a tutte le realtà che si sono fortemente attivate per evidenziare al Mibact la necessità di salvare il Franchi come Archistar, Fondazioni e Comitati, siano altrettanto rapidi a raccogliere i fondi necessari che occorreranno al Comune per ristrutturare lo stadio. Bisognerà assolutamente evitare che il Franchi possa diventare una struttura abbandonata e cadente nel cuore della bellissima Firenze". 

Sezione: News / Data: Ven 15 gennaio 2021 alle 22:17
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print