Raggiunto da TMW, Amedeo Carboni, ex consulente di Rafa Benitez all'Inter, ha ripercorso i tratti dell'avventura dello spagnolo in nerazzurro, conclusa con l'esonero.

Carboni, partiamo dalla Spagna: è polemica tra Mourinho e il Barcellona.
"Queste cose fanno parte del Classico, come accade in Italia nei derby. Credo però che ad infastidire il Real Madrid, o almeno i tifosi, sia il gioco del Barcellona, uno dei migliori al mondo che piace da tutte le parti".

Mourinho sembra molto rimpianto dai tifosi interisti.
"Quando un allenatore vincente come lui va via da una società lasciando un curriculum importante è normale che venga rimpianto. Succede ovunque".

Quanto è pesata l'ombra del portoghese durante il vostro periodo all'Inter?
"Non lo so, ma credo che di più sia pesata agli altri. A noi non è pesata, anche perché Benitez è un vincente".

Forse la società nerazzurra avrebbe dovuto cedere qualche giocatore con la pancia piena.
"Non serve fare queste considerazioni adesso. Quando si dovevano risolvere i problemi non si sono risolti e parlarne adesso non penso faccia bene a nessuno".

L'emblema dell'Inter con la pancia piena potrebbe essere Diego Milito.
"Credo che questo, per lui, sia stato un anno particolare. Sia con noi che con Leonardo sta avendo dei problemi, penso che il più dispiaciuto sia lui, di aver perso quasi un anno non rivelandosi il giocatore che tutti conosciamo".

L'Inter è la delusione del campionato?
"Non è stato un anno deludente. Forse altalenante si, ma deludente no".

Cosa le è rimasto dell'esperienza nerazzurra?
"Se uno prende la parte positiva di ogni esperienza se ne trae beneficio. Ho conosciuto persone di spessore e uno staff importante. In tutti i lavori c'è sempre una negativa, ma preferisco ricordare quella positiva".

L'addio di Benitez sembrava scontato.
"Si, l'idea era quella: o si cambiava una rotta oppure il divorzio sarebbe diventato normale".

Davvero non ha alcun sassolino nelle scarpe?
"Vanno tirati fuori quando uno è dentro il problema. Credetemi, sia io che Beniez non abbiamo nessun rancore verso l'Inter. Sento spesso Rafa e non ha alcun sassolino nelle scarpe".

Benitez tornerà ad allenare in Italia?
"Chissà. Il suo curriculum non è inferiore agli allenatori italiani che ci sono adesso".

Dopo l'addio del tecnico spagnolo l'Inter ha scelto Leonardo.
"Secondo me per questo tipo di Inter, l'ingaggio di Leonardo, è stata la scelta giusta. La società ha fatto un buon affare prendendo il brasiliano".

In serie A è polemica sugli errori arbitrali che settimanalmente si verificano a favore della Roma.
"Dopo quello che è successo bisogna lasciare stare gli arbitri, che commettono errori un po' con tutti. Un arbitro può incidere su una partita o due, ma non sull'intero campionato".

Sezione: News / Data: Mer 4 Maggio 2011 alle 00:32 / articolo letto 4906 volte
Autore: Fabrizio Romano