Gianluca Manganiello, arbitro designato per dirigere Inter-Brescia, ritorna nella San Siro nerazzurra dopo la famosa gara del 26 gennaio in cui mostrò il cartellino rosso a Lautaro Martinez per una protesta sguaiata in un finale pieno di tensione con il Cagliari. Cinque mesi dopo il clima è decisamente meno infiammato, sia per lo stadio vuoto, sia perché la sfida si mette subito su binari favorevoli per i padroni di casa (3-0 al 45'). Situazione ideale per il fischietto della sezione di Pinerolo, che può prendere tutte le decisioni in tutta tranquillità, sbagliando solo la valutazione al minuto 14, quando lascia correre l'azione non vedendo l'irregolarità di Mateju su Moses. Ecco tutti gli episodi di moviola: 

3' - Donnarumma spara alto sopra la traversa davanti ad Handanovic: l'attaccante del Brescia, pescato da un ottimo filtrante da Tonali, era stato valutato correttamente in posizione regolare. 

5' - Buono il gol dell'1-0 interista: Sanchez scappa via sulla destra e mette un cross pregiato per Young, che si esibisce in una volée vincente perfettamente dietro la linea difensiva bresciana. 

14' - Ancata robusta in area di Mateju ai danni di Moses: Manganiello sorvola ritenendo il contrasto come uno spalla a spalla regolare. Il replay, in realtà, chiarisce che il numero 3 ospite si aiuta con il braccio spingendo irregolarmente il nigeriano; il Var Mazzoleni rimane silente non giudicando l'episodio meritevole di revisione. 

19' - Rigore sacrosanto per l'Inter: Moses, ancora protagonista, sgasa sulla destra sverniciando Mateju che lo sgambetta in piena area. Manganiello indica subito il dischetto e poi ammonisce giustamente il difensore delle rondinelle. Il silent check con Mazzoleni non fa altro che confermare la decisione presa dal campo. 

35' - Dessena reclama un fallo di mano in area di D'Ambrosio, Manganiello fa segno che non c'è nulla. E in effetti non c'è alcun tocco da parte del 33 nerazzurro, che si era cautelato andando a contrasto con le braccia dietro la schiena. 

36' - Joronen salva nettamente il tiro di Sanchez prima della linea di porta. L'orologio della goal line tecnhology ovviamente non suona e Manganiello fa proseguire l'azione.  

39' - Intervento ruvido sulla trequarti di Papetti su Sanchez, che vorrebbe un giallo per il suo avversario. Manganiello non è d'accordo e spiega al cileno che non ci sono gli estremi per la minima sanzione. 

41' - C'è l'ammonizione, invece, per Stefan de Vrij, che paga il fatto di essere arrivato decisamente in ritardo nel contrasto a centrocampo con Ayè. 

45' - Niente da segnalare sul gol del 3-0 di D'Ambrosio, che in posizione buonissima sbuca dietro la difesa bresciana e insacca di testa. 

SECONDO TEMPO -

51' - Sabelli ostacola la ripartenza di Moses, che lo salta letteralmente e poi cade perdendo l'equilibrio. Per Manganiello non c'è nulla, in caso di fallo il due del Brescia avrebbe meritato anche l'ammonizione.

52 - Gagliardini nettamente in gioco prima di scaraventare di testa il gol del poker. 

62' - Inevitabile il cartellino giallo per Semprini, che da tergo pizzica appena il pallone prima di graffiare la caviglia di Sanchez. 

64' - Ammonizione per Agoume, punito per una trattenuta reiterata di un avversario a centrocampo. 

67' - Torregrossa cerca la furbata in area provando a rimediare un rigore nel duello corpo a corpo con Ranocchia. Manganiello è vicino all'azione e fischia fallo in attacco. 

83' - Tutto regolare nell'azione del pokerissimo di Eriksen, compresa la posizione di quest'ultimo che va in gol mettendo la palla oltre la linea con un tap-in. 

87' - Come sopra: niente da segnalare nel punto del 6-0 di Candreva. 

VIDEO - L'ARRIVO DI HAKIMI AL CONI SCATENA I TIFOSI

Sezione: Moviola / Data: Mer 01 luglio 2020 alle 22:30
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print