È Davide Massa l'arbitro di Genoa-Inter, gara valida per la 36esima giornata di Serie A. Nel match del Ferraris il fischietto della sezione di Imperia ha come assistenti Preti e Manganelli. Il Quarto Uomo dell'incontro è Giua, mentre al Var c'è Irrati con l'assistente Var Liberti. Il direttore di gara interviene complessivamente poco: giusto concedere il gol a Lukaku nonostante le proteste genoane (nessun fallo su Zapata), mentre lasciano perplessi la punizione concessa al Genoa dopo il vantaggio sul punteggio di 1-0 per l'Inter e il mani fischiato a Sanchez nel finale con troppa sicurezza. 

2' - Criscito anticipa Gagliardini e subisce un pestone involontario: Massa fa proseguire, concede il vantaggio e si accerta poi delle condizioni fisiche del capitano del Genoa. 

16' - Moses chiude l'uno-due con Lukaku e si invola sulla fascia, ma Criscito lo trattiene vistosamente e ne interrompe l'azione: fallo tattico solare e primo giallo del match estratto da Massa. 

24' - Skriniar svetta su Pinamonti e in caduta gli rifila un pestone: Massa lascia correre per l'involontarietà del gesto, poi interrompe il gioco perché l'attaccante è a terra dolorante e fa poi ripartire con una palla a due. 

25' - Pinamonti tocca il pallone con un braccio nell'area nerazzurra dopo un confuso rimpallo con Gagliardini: c'è involontarietà, Massa fa continuare l'azione del Genoa.

29' - Romero stende di fisico Lautaro spalle alla porta per la terza volta da inzio gara: Massa resta fedele al metro di giudizio e continua a non fischiare questo tipo di contatti. 

30' - Altro contatto al limite tra Goldaniga e Lautaro: Massa continua a lasciar correre. 

34' - Vantaggio Inter. Cross di Biraghi dalla destra e incornata di Lukaku, che si libera della marcatura di Zapata e batte Perin. La panchina del Genoa chiede un fallo del belga, ma Massa convalida la rete: il difensore rossoblu si lascia cadere con troppa facilità dopo aver perso la marcatura e senza aver subìto fallo. 

42' - Behrami scarica palla e viene travolto da Gagliardini al limite dell'area: Massa fa proseguire perché la palla è ancora in possesso del Grifone, poi fischia inspiegabilmente il calcio di punizione dopo aver concesso il vantaggio ai padroni di casa, terminato con un tiro alto, e ammonisce il centrocampista nerazzurro. 

45' - Ennesimo fallo di Romero su Lautaro, stavolta in netto ritardo: arriva la terza ammonizione della partita.

48' - Godin anticipa Favilli, che sporca con la mano il pallone e lo spedisce in fallo laterale: Massa, non aiutato dall'assistente, non vede il tocco del rossoblu e concede erroneamente una rimessa laterale per il Genoa. 

54' - Godin allontana palla a gioco fermo: da regolamento, poteva starci il giallo.

62' - Ranocchia sbaglia in impostazione e regala palla al Genoa, poi rimedia all'errore con un intervento rischioso - ma pulito - in area su Favilli: Massa fa segno che il difensore ha centrato il pallone e lascia correre. 

67' - Gagliardini anticipa Favilli, che gli rifila un pestone in colpevole ritardo: Massa si limita a fischiare il fallo, senza ulteriori sanzioni.

74' - Ranocchia entra in tackle da dietro su Pandev, prendendo prima la palla e poi il piede dell'ex Inter: Massa estrae il giallo dal taschino.

82' - Raddoppio Inter: Moses salta il diretto avversario sulla fascia e mette una palla tesa in area di rigore, dove Sanchez si fa trovare pronto all'appuntamento con il gol dopo essersi liberato regolarmente dalla marcatura di Goldaniga.

86' - Ammonizione per Handanovic: il portiere dell'Inter ritarda la ripresa del gioco durante una rimessa dal fondo. 

87' - Sanchez entra in area in posizione pericolosa, ma Massa stoppa tutto su segnalazione dell'assistente per un presunto tocco di mano del cileno, che si infuria: si poteva far proseguire l'azione per poi, eventualmente, rivedere i dettagli con l'ausilio del Var. 

92' - Terzo gol dell'Inter. Brozovic lancia Lukaku che parte da posizione regolare e dopo uno slalom speciale chiude definitivaente i giochi. 

Sezione: Moviola / Data: Sab 25 luglio 2020 alle 22:45
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print