A margine della conferenza stampa di presentazione della Casino Lugano Cup, il presidente del Lugano Angelo Renzetti parla ai microfoni della Rsi alla vigilia dell'ultimo impegno pre-stagionale della sua squadra, quello di domani contro l'Inter: "Purtroppo mi aspetto una squadra non all'altezza delle mie idee. Ci sono molti giocatori non pronti, che entreranno in gioco più tardi. In Svizzera il campionato inizia presto, dobbiamo fare i conti con questa problematica. Non sono sereno, pensavo di poterlo essere ma vista la mancata vendita di Junior, gli inserimenti che ancora non ci sono e gli impegni imminenti; ma non sono agitato".

A proposito della partita di domani aggiunge: "Noi dovremo vivere di riflesso con l'Inter, ci darebbe una visione eccezionale. L'anno prossimo si ridiscuteranno i diritti tv, noi con l'Italia possiamo fare qualcosa. Il riflesso dell'Inter ci aiuterebbe molto. Sono contento che abbiano fatto un buon ritiro, noi lo siamo ancora di più. Speriamo che diventi una consuetudine e che il Lugano possa vivere sul riflesso dell'Inter; non per questione di tifo, essendo io juventino, ma per opportunità perché bisogna fare il bene del Lugano e noi abbiamo bisogno di una realtà con principi diversi per crescere. Avere giocatori dell'Inter a Lugano? Per il momento non siamo arrivati fin lì, bisogna conquistare la fiducia e mettere le basi. Poi si fa il meglio che si può fare, però ho apprezzato molto le parole di Beppe Marotta, indicano che noi la fiducia la stiamo conquistando". 

VIDEO - NERAZZURRI AL LAVORO A LUGANO, LE IMMAGINI DALL’ALLENAMENTO

Sezione: L'avversario / Data: Sab 13 Luglio 2019 alle 16:02
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print