Cavani, Rafael Leao, Rodrigo, Rebic, Zapata... Le alternative ci sono, ma l'Inter non intende ancora affondare il colpo per nessuna di esse perché il desiderio forte rimane quello di accontentare Antonio Conte e prendergli Romelu Lukaku. A breve inizierà concretamente la trattativa, con i nerazzurri che partiranno dalla base di 60 milioni di euro più bonus, avvicinandosi a 80 milioni totali, mentre il Mancheter United continuerà a chiederne 83. Distanza incolmabile? Si vedrà. Di certo, Ausilio e Marotta non lasceranno nulla di intentato. Intanto, domani, proprio il belga dovrebbe restare ancora fuori, saltando la terza amichevole su tre: un segnale chiaro che evidenzia frustrazione e voglia di lasciare i Red Devils.

"Certo tutto sarebbe più facile con la cessione di Icardi - spiega il Corriere dello Sport -. La plusvalenza generata, infatti, permetterebbe di sostenere un investimento di tale portata per Lukaku. Invece, nonostante Maurito, dopo la Juventus, abbia aperto anche al Napoli, lo stallo resta. E la ragione è semplice: sia bianconeri sia partenopei hanno intenzione di arrivare ad agosto, magari anche alla seconda metà del mese, in modo da strappare le condizioni migliori da un’Inter presumibilmente messa alle strette. Il tutto, ovviamente, al netto degli accordi che Wanda dovrà trovare per l’ingaggio del marito. Il problema è che in questo intricato intreccio è precipitato pure Dzeko. Per dare finalmente un attaccante a Conte - almeno oggi avrà Puscas, decollato ieri da Milano -, al club nerazzurro basterebbe, infatti, versare i 20 milioni di euro richiesti alla Roma. Così, però, oltre a pagare troppo un giocatore di 33 anni con contratto in scadenza nel 2020, la società giallorossa avrebbe le risorse per andare a prendere Higuain, togliendo un problema alla stessa Juve e agevolandola pure nella corsa a Icardi. L’Inter non vuole innescare questo tipo di domino. Piuttosto, preferisce aspettare, contando sul fatto che anche la Roma, ad agosto, dovrà scendere a più miti consigli su Dzeko". 

VIDEO - GABIGOL DA GRANDE ATTACCANTE, MA IL FLAMENGO LASCIA LA COPPA AI RIGORI BATTUTO DA... JONATHAN

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 19 Luglio 2019 alle 08:15 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print