Il dossier 'nuovo stadio a Milano', nelle settimane in cui Bc Partners sta completando la due diligence dei conti dell'Inter per prendere eventualmente l'eredità di Suning al comando del club, è finito momentaneamente in fondo a un cassetto. Un impasse che fa gioco anche al Comune meneghino, da dove è emersa la volontà di rimandare un dossier così delicato alla maggioranza che uscirà dalle elezioni in primavera. E da Palazzo Marino - svela Calcio e Finanza - è partita anche una richiesta verso le società: non trasformare il tema, molto delicato negli equilibri elettorali cittadini, in argomento da campagna elettorale andando allo scontro. Peraltro, le parti si sono incontrate nei giorni scorsi: attorno a un tavolo si sono seduti rappresentanti dei due club e il sindaco Beppe Sala, che si è candidato per un secondo mandato a primo cittadino, con vista sulla prossima campagna elettorale.

"In sostanza, cercare di abbassare i toni almeno fino a quando non sarà chiaro chi uscirà vincitore dalle elezioni della prossima primavera. Anche considerando che tra chi appoggerà la ricandidatura di Sala ci sono i Verdi, non certo entusiasti nei confronti di nuovi mega progetti edilizi cittadini. Tanto che nei giorni scorsi hanno inviato una lettera a Mattarella per chiedere che San Siro non venga demolito", si legge nel pezzo a firma Matteo Spaziante.

VIDEO - NERAZZURLI - ERIKSEN RISOLVE IL DERBY, ESULTANZA SFRENATA IN CASA ZANETTI

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 27 gennaio 2021 alle 19:38
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print