Da Barcellona non hanno dubbi: la società blaugrana ha cerchiato in rosso il nome di Lautaro Martinez. La stampa spagnola, in particolare catalana, parla di interesse sempre maggiore per l’argentino, con la possibilità che quest’estate il Barça tenti l’assalto al 10 nerazzurro. In realtà però, a parte la volontà dell'Inter di non privarsi del Toro, l'eventuale clausola di rescissione di 111 milioni da dover pagare e anche un lauto ingaggio da dover sottoporre al calciatore, c’è un altro aspetto economico non di poco conto da tenere in considerazione. La stampa iberica specializzata ha infatti più volte ribadito la necessità del Barcellona di vendere prima di acquistare entro il 1° luglio per rimanere entro i parametri del Fair Play Finanziario, per una cifra totale che è stata fissata addirittura in 124 milioni di euro.

Qualora il Bayern Monaco, che ha già pagato 8,5 milioni di euro per il prestito annuale di Coutinho, dovesse esercitare il diritto di riscatto fissato a 120 milioni (ipotesi ad oggi remota), allora in pratica non ci sarebbero neppure problemi da porsi. Se però così non fosse, e il brasiliano tornasse alla base, i catalani dovrebbero in qualche modo ricavare la cifra necessaria per non avere problemi. Con altri giocatori, già indiziati per lasciare sicuramente Barcellona, che sicuramente verrebbero invitati a fare le valigie. Tra questi Rafinha, oggi il prestito al Celta Vigo, che ha una clausola di rescissione da soli 17 milioni di euro (e che tra l’altro non disdegnerebbe affatto di tornare in nerazzurro ora che non c’è più Luciano Spalletti) o Arturo Vidal, il cui prezzo potrebbe improvvisamente abbassarti e diventare vantaggioso, per la gioia di Antonio Conte che lo avrebbe voluto anche a gennaio. O Ivan RakiticArda Turan, Nelson Semedo e svariati giovani di rientro dai prestiti.

Insomma, tenendo sempre conto che l’Inter vuole tenersi stretta Lautaro Martinez, prima di parlare di assalto blaugrana all’argentino nerazzurro, la società catalana dovrà necessariamente pensare a fare cassa per non trovarsi un bilancio in dissesto con il nuovo anno fiscale, che inizia parallelamente con l'attivazione della clausola nel contratto del Toro (e valida fino al 15 luglio). Una situazione non così semplice anche se ti chiami Barcellona.

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 13 Febbraio 2020 alle 17:05
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print