Intervistato da La Nacion, Kily Gonzalez, ex centrocampista dell'Inter, ha parlato così di una fase difficile della sua vita: "Nel momento in cui sono stato costretto a ritirarmi sono stati anni difficili, neri. Anni in cui non potevo accettare il ritiro, come avevo lasciato la mia squadra. E’ durato per quattro anni. Avevo la barba lunga, sembrava quella di un naufrago, molti giorni non volevo neanche alzarmi dal letto. Mi addormentavo alle 4 e mi svegliavo il giorno dopo a mezzogiorno, un disastro. Ho smesso di giocare e ho iniziato in automatico a lasciarmi andare, come se volessi punirmi. Adesso va molto meglio perché da allenatore sono impegnato, impegnare il tempo è un problema per un ex giocatore. Mi sono rifiutato di affidarmi ad uno psicologo, il tempo mi ha aiutato ad accettare tutto. Avevo perso autostima".

VIDEO - NTUBE DI TACCO, SALCEDO CON LO SCAVETTO: CHE GOL IN AZZURRO 

Sezione: Ex nerazzurri / Data: Ven 16 Agosto 2019 alle 17:08
Autore: Andrea Morabito
Vedi letture
Print