Nota lieta di inizio campionato e ora ai margini del progetto Chievo. E’ la strana parabola di Francesco Bardi, voluto dai veneti in estate in modo più che convinto, poi relegato in panchina con l’arrivo al posto di Corini di Maran, che gli preferisce il 37enne Bizzarri.



Per fare il punto sul momento “no” di Bardi, FcInterNews.it ha sentito in esclusiva il suo agente Vincenzo Rispoli, che spiega: “C’era un altro allenatore, quello nuovo privilegia i più esperti. Francesco ha fatto benissimo in campionato, parato due rigori su tre, ha fatto bene e l’allenatore ha deciso per una ragione anagrafica che avrebbe giocato l’altro. Ora vediamo, stiamo valutando. Dire cosa stiamo facendo non mi sembra il caso. Ma stiamo valutando. Non so se per gennaio, ma è talmente assurdo quello che sta avvenendo al Chievo che servirà sentirsi anche con l’Inter. Il giocatore è nerazzurro e rispettiamo le condivisioni di idee con l’Inter. Che idea ha Ausilio? Non sta a me dire agli altri quello che ci siamo detti. E' una fase da valutare bene, non c’è ragione per me per queste esclusioni. Perché Maran vuole tutti giocatori esperti. Ora ci rapporteremo, ripeto, con l’Inter, e vedremo che decisioni prendere. Sto parlando con diversi club che sono interessati al giocatore, italiani e anche esteri. Perché forse all’Inter farebbe piacere che facesse un’esperienza internazionale. Tutti ci credono in lui, l’unico che non ci crede, e non lo capisco, è Maran. Al Chievo ci hanno sempre creduto, ma è cambiato l’allenatore. Nel calcio le cose cambiano in un attimo. Ma io credo fermamente nelle qualità di Francesco, ci crede l’Inter e tutti, compreso Di Biagio. Maran non farà cambiare l’idea agli addetti ai lavori su Bardi".

 

Sezione: Esclusive / Data: Lun 24 novembre 2014 alle 16:36
Autore: Luca Pessina / Twitter: @LucaPess90
vedi letture
Print