Intervenuto in collegamento telefonico con Sky Sport, l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti ha rivissuto la stagione 2009/10. Queste le sue parole: "Vorrei innanzitutto salutare Diego Milito ed Esteban Cambiasso, due amici e giocatori fantastici. Tutti noi abbiamo dato il massimo per raggiungere determinati obiettivi. E' bellissimo che certe immagini possano rendere felici i tifosi ancora oggi. L'Inter del Triplete era fatta di giocatori straordinari. Noi nerazzurri addetti ai lavori, per la fiducia che avevamo nella squadra di Mourinho, quando siamo entrati al Bernabeu eravamo felici. In genere le finali si attendono con una tensione incredibile, invece volevamo goderci la festa. Forse anche perché avevamo sofferto così tanto contro il Barcellona... Volevamo stare tranquilli, insomma (ride, ndr). Rivedendo la partita, è stata una gara difficilissima. Giocata con grande intelligenza da parte nostra".

Come ha vissuto il 22 maggio 2010?
"Quel giorno non ero agitato, lo dico sinceramente. In quei momenti lì non c'è solo un'agitazione emotiva, ma stai ad analizzare tutto ed a capire se hai sbagliato qualcosa, per correggere eventualmente delle cose. C'era bisogno della mia presenza, fino all'ultimo minuto. Per fortuna tutto era ben fatto. La squadra ha affrontato con una professionalità eccezionale tutto il percorso che abbiam fatto. Sto rivedendo proprio ora le nostre imprese in televisione: i ragazzi hanno fatto tantissimi sacrifici e hanno meritato di vincere. Forse avrebbero meritato anche di più in precedenza".

VIDEO - ACCADDE OGGI (2010): LA DANZA DEL "PRINCIPE" PIEGA IL CSKA: 1-0

Sezione: Copertina / Data: Mar 31 marzo 2020 alle 19:29
Autore: Andrea Pontone / Twitter: @_AndreaPontone
Vedi letture
Print