Dal Galatasaray all'Inter con tanta voglia di fare bene da subito: ad Appiano Gentile si presenta anche Alex Telles, esterno brasiliano 22enne, uno dei tre nuovi arrivi dell'ultimo giorno di mercato in casa nerazzurra. FcInterNews.it, presente col proprio inviato, vi riporta in tempo reale le parole dell'ex giocatore del Gremio. 

E' stato decisivo Mancini nella tua scelta di venire all'Inter?
"Per me è una grande gioia venire all'Inter, un grande club. Sicuramente sono arrivato perché ho molta fiducia in Mancini, è una grande sfida. Ho fiducia nelle mie capacità e sono felice di essere di nuovo con Felipe Melo". 

Hai un sinistro magico per crossare e calciare. Che giocatore sei?
"Sono un giocatore che conosce la sua responsabilità di difensore e la sua posizione, pensando prima di tutto alla marcatura. Ma una delle mie caratteristiche è essere bravo nel fare cross e dare passaggi all'ultimo uomo. So che in Italia la fase difensiva è importante, quindi devo dare importanza all'aspetto tattico ma anche alle mie caratteristiche offensive". 

Come è stata la tua prestagione? Sei pronto anche in chiave derby?
"Mi sento pronto, a Istanbul mi stavo allenando e giocando. Sto bene, posso giocare, se Mancini vuole sono a disposizione. Ho iniziato subito forte ad allenarmi e sono pronto". 

Perché il numero 12?
"Ho sempre usato il 13, mi piace molto; ma qui ce l'ha già Guarin. Allora ho preso il 12, un numero che mi piace. Spero di poter fare la storia dell'Inter con questo numero". 

Perché l'Inter ha fatto bene a prendere Melo? 
"Melo è un giocatore dalla grande storia, ed è stato un Nazionale brasiliano, che ha conquistato molti titoli. Per me è una gioia immensa giocare al suo fianco, qualsiasi squadra dovrebbe avere uno come lui".

Aspettavi così presto la fine dell'esperienza in Turchia? E dove ti vedi in futuro?
"Nella mia vita tutto è successo rapidamente, ho 22 anni e sono già all'Inter. E' la dimostrazione di un grande lavoro ma anche che ogni giorno bisogna dimostrare. Devo migliorare, crescere e sono sicuro che posso farlo con giocatori come Melo e un tecnico come Mancini. Mi vedo nella Nazionale brasiliana in futuro".

Hai un giocatore di riferimento nel tuo ruolo? E come si pronuncia il tuo nome?
"Il mio nome si pronuncia normalmente, Telles. Marcelo per me è un punto di riferimento, spero di poter fare la storia come la sta facendo lui nei club e in Nazionale". 

Sezione: Copertina / Data: Gio 03 settembre 2015 alle 12:38 / Fonte: dall'inviato Francesco Fontana
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print