rassegna

Serie A campionato con più gol ad Euro 2020: tra i club l’Inter è seconda dietro la Juve

Serie A campionato con più gol ad Euro 2020: tra i club l’Inter è seconda dietro la Juve

Dei 50 gol finora messi a segno ad Euro 2020 (oltre a 5 autoreti) ben 18 provengono da giocatori di Serie A, oltre un terzo, il 36% per la precisione. Comprese le autoreti siamo comunque al 32,7%, quasi un terzo...

Daniele Alfieri

Dei 50 gol finora messi a segno ad Euro 2020 (oltre a 5 autoreti) ben 18 provengono da giocatori di Serie A, oltre un terzo, il 36% per la precisione. Comprese le autoreti siamo comunque al 32,7%, quasi un terzo preciso. Male la Liga La lotta per ora, un po’ a sorpresa, è con la Bundesliga tedesca, a 14 centri, e poi molto dietro gli altri campionati. Come la Premier inglese a 8 e via via altri 7 tornei, fra cui la Super League cinese (unico non europeo) e la Championship inglese (la serie B di Londra) a 2. A 1 ci sono pure la Ligue 1 di Depay (anche se sta per andare al Barcellona e lasciare Lione) e la Liga, grazie al francese Griezmann a segno ieri. Nella classifica per club è ancora l’Italia in testa: Juve a 5 - grazie al tris di Ronaldo e alle reti di Ramsey e Morata ieri -, inseguita dall’Inter a 4, con doppietta di Lukaku e firme di Perisic e Skriniar. Seguono a 3 reti le tedesche Bayer Leverkusen (tripletta dell’ex romanista Schick) e il Borussia Dortmund di Raphael Guerreiro, Thorgan Hazard e Meunier. A 2 invece ci sono 10 club fra cui la Lazio di Immobile, l’Atalanta di Miranchuk e Gosens, il Sassuolo di Locatelli, autore di una doppietta, come la sorpresa Dumfries del Psv, gli ucraini Yaremchuk del Gent belga e Yarmolenko del West Ham; a 2 centri anche il City, il Liverpool, il Lispia e il ’Gladbach. A 1 gol anche le italiane Napoli, il Torino del polacco Linetty e il Genoa dell’eterno macedone Pandev. In tutto 30 club a segno, fra cui il cinese Shanghai Port dell’austriaco ed ex interista Marko Arnautovic, alla terza stagione all’ex Sipg nel Celeste Impero. E i due team di Championship inglese, entrambi grazie a due gallesi: Moore - nato in realtà a Torquay in Inghilterra, ma di nonno paterno di Llanrug e trisavolo cinese - del Cardiff e Roberts dello Swansea.