HANDANOVIC 6 - Prende tre gol ma è difficile dargli delle responsabilità. Nel primo caso resta a metà strada per colpa del vento che ferma il pallone, sul gol di Muriel c'è solo da applaudire la prodezza.

D'AMBROSIO 6 - La spinta di Biraghi è un problema non da poco, lui mantiene la posizione e quando ha spazio sale per aiutare i compagni. Vittima della follia di Abisso nel finale, perché evidentemente si cercava qualcuno da pizzicare.

DE VRIJ 6,5 - Simeone gioca di sponda sul suo piede per sbloccare subito lo 0-0, c'era comunque ben poco da fare. Nella bagarre, soprattutto finale, la sua testa svetta a levare più di una castagna dal fuoco. Anche lui in difficoltà a causa del vento, si rimbocca le maniche contro Muriel.

SKRINIAR 6,5 - Meno pulito del solito, si prende anche un cartellino giallo. Il vento lo costringe ad alzare ulteriormente il livello di guardia, i palloni sporchi gettati nell'area nerazzurra non sono di facile lettura. Anche limitandosi a badare al sodo, fa il suo, soprattutto nel gioco aereo.

DALBERT 6 - Serata che definire impegnativa è poco. Beffato dal vento sul gol viola, è decisivo a tamponare Chiesa qualche minuto più tardi. L'esterno cerca sempre di puntarlo con alterne fortune. Apprezzabile l'impegno e la cura della fase difensiva, meno i tentativi di cross (fuori misura). DAL 62' ASAMOAH 5,5 - Entra per coprire meglio su Chiesa, in realtà patisce tremendamente i ritmi alti nella sua zona del campo. Non fa valere l'esperienza, gli manca freschezza.

VECINO 6,5 - Reattivo, e molto in occasione del pareggio, meno quando deve farsi trovare pronto sul pressing viola che spesso gli toglie ossigeno e talvolta il pallone. Meglio nella ripresa quando c'è da tamponare e cercare di ripartire negli spazi concessi dai viola. Sfiora la doppietta di testa, ma sarebbe stato troppo contro il suo ex pubblico.

BROZOVIC 6 - Meno preciso e illuminante del solito, indossa l'elmetto e e lo scudo e si getta sul campo di battaglia. Lucido nel tenere viva la manovra, si rifugia spesso nel compagno più vicino per mantenere il controllo del gioco. Non certo una prestazione indimenticabile, però c'è fino all'ultimo.

POLITANO 6,5 - Finalmente gli riesce la giocata che ci si attende da lui: pallone spostato sul sinistro e conclusione sul palo lontano. Una rete pesante perché arriva al tramonto del primo tempo e indirizza la gara. A questo aggiunge tanta corsa e spirito di sacrificio sulla spinta di Biraghi. DAL 76' CANDREVA SV.

NAINGGOLAN 5,5 - Non è ancora brillante come dovrebbe, allora ci mette la grinta e fa il lavoro sporco. Davanti mancano le sue iniziative, si vede a sprazzi e solo quando i viola gli lasciano campo. Altrimenti preferisce giocare facile. DALL'89' BORJA VALERO SV.

PERISIC 7 - Gioca più dentro al campo, per dare man forte a Lautaro, e sfonda raramente a sinistra. Nel finale dei primi 45 ha la palla del 3-1 ma la spreca, si riscatta dal dischetto nella ripresa con un'esecuzione perfetta (compito ereditato da Icardi...). Si sente più responsabilizzato e indica la via per i compagni, anche sacrificandosi in difesa.

MARTINEZ 6 - Letteralmente aggredito dai centrali viola, cerca luce allontanandosi dall'area e facendo il rifinitore per i compagni (manda in porta Perisic). Utile quando da solo va a battagliare per tenere lontano il pallone dalla propria metà campo. Se c'è da tirar fuori le unghie non si fa pregare.

ALL. SPALLETTI 6,5 - Mancano 2 punti, ma lui a Firenze in realtà l'ha vinta. Propone una squadra corta, con esterni che si accentrano. Ma si vede soprattutto il carattere che permette ai suoi di recuperare l'avvio choc e, senza la decisione di Abisso nel finale, di vincere una gara a dir poco complicata. La strada è quella giusta, sono i fattori esterni che fanno riflettere.


FIORENTINA: Lafont 5,5, Laurini 6 (dal 79' Dabo sv), Ceccherini 6, Victor Hugo 6, Biraghi 6,5, Benassi 5,5 (dal 57' Pjaca 5,5), Veretout 6, Edmilson 5,5, Chiesa 6, Simeone 6 (dal 57' Muriel 7), Gerson 5,5. All. Pioli 6


ARBITRO: ABISSO 2 - La classica partita in cui senza Var probabilmente avrebbe inanellato una serie di errori determinanti. Per il bene suo e dei suoi colleghi per fortuna la tecnologia è legale e spazza via (quasi) tutti i dubbi. Non benissimo nel finale, quando premia ogni caduta viola e ammonisce solo ospiti, quasi influenzato dal pubblico di casa. Incredibile il rigore assegnato: sbaglia persino con l'ausilio delle immagini. Toglietegli il fischietto, non è capace.
ASSISTENTI: Passeri 5,5 - Mondin 5,5

VIDEO - FURTO AL FRANCHI, TRAMONTANA ATTONITO: QUANTE POLEMICHE

Sezione: Pagelle / Data: Dom 24 Febbraio 2019 alle 22:43
Autore: Fabio Costantino / Twitter: @F79rc
Vedi letture
Print