Manca sempre meno al Monday Night di Cagliari-Inter e, come in tutte le partite, i vari ex delle due squadre vengono interpellati su quello che potrà essere l'esito del match. Questa volta è il turno di Gianfranco Matteoli, nerazzurro per quattro stagioni e titolare nell'Inter dei record, quando sulla panchina interista sedeva Giovanni Trapattoni. Matteoli ha un passato anche da rossoblu, avendo indossato la maglia della squadra sarda per centrotrenta partite, oltre a rivestire oggi un ruolo importante per la società del Cagliari: membro del cda del club con la carica di direttore del settore giovanile. Intervistato da La nuova Sardegna, ecco cosa ha detto l'ex centrocampista nerazzurro: "L'Inter è favorita. Ma sono sicuro che i rossoblù se la giocheranno. Partite come questa ti danno grandi stimoli e ti fanno tirare fuori l’orgoglio. Il Cagliari potrebbe fare il colpaccio come è successo nella gara di andata". Matteoli spiega quella che per lui sarebbe la maniera ottimale di affrontare una squadra come quella di Mancini: "Ci vuole umiltà e grande determinazione. Il Cagliari dovrà mettere in campo la cattiveria agonistica che spesso riduce il gap tecnico.

Per dirla in parole povere, serve una squadra da combattimento". Si passa poi ad un focus su quelli che sono due canterani nerazzurri in prestito in Sardegna: Crisetig e Longo. "Il primo, quando ha giocato, ha fatto delle belle partite. Secondo me ha margini di crescita. Longo è un generoso, corre tantissimo e perde lucidità quando arriva davanti alla porta. Niente da dire sul piano dell’impegno ma capisco che da un attaccante si pretendano i gol. Non ha ancora segnato in campionato, spero si sblocchi in fretta".

Sezione: News / Data: Dom 22 febbraio 2015 alle 15:28 / Fonte: lanuovasardegna
Autore: Marco Lo Prato / Twitter: @marcoloprato
vedi letture
Print