Il gol messo a segno nel derby di ieri da Christian Eriksen che ha regalato ai nerazzurri la prima vera grande gioia da quando veste la maglia dell'Inter cambia in qualche modo le valutazioni del club sul danese, già condizionate dalle dinamiche di questa sessione di mercato particolarmente difficile per tutti. A frenare le volontà di cessione dell'ex Tottenham è anche il non indifferente cavillo economico dato dal fatto che nessuno dei vari club interessati al numero 24 interista si è avvicinato alle richieste dell'Inter. I paletti imposti da Viale della Liberazione per l'eventuale uscita di Eriksen erano quelli di cessione definitiva o prestito oneroso di almeno 4 milioni di euro, oltre al pagamento dell'intero ingaggio del centrocampista. Operazione troppo onerosa per qualsiasi club, società inglesi comprese, in questo momento di difficoltà economica mondiale. Ad irrigidire la posizione dell'Inter è anche il fatto che in caso di uscita del centrocampista i milanesi perderebbero i benefici fiscali del decreto crescita. Contingenze che, confermate dalle parole di ieri di Antonio Conte, fanno pensare ad una permanenza più che probabile. Questo è quanto spiegato nell'edizione odierna di Calciomercato L'Originale da Gianluca Di Marzo.

Sezione: News / Data: Mer 27 gennaio 2021 alle 23:35
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print