L'ex presidente del Napoli Corrado Ferlaino, intervistato da Kiss Kiss Napoli, ha commentato l'attuale momento della squadra di Mazzarri, soprattutto alla luce delle ultime polemiche arbitrali. Ferlaino non crede alla tesi del complotto contro i partenopei: "Non esistono i complotti. Il Napoli è molto ambito, dal mondo del calcio, perchè porta spettatori allo stadio e audience in tv". Poi fa un parallelo tra sé e De Laurentiis citando un episodio del suo passato: "Cosa deve fare De Laurentiis? Anche io, all'inizio della mia avventura, reagivo ai torti arbitrali. Nel '71 perdemmo uno scudetto a Milano contro l'Inter per un arbitraggio scandaloso. Eravamo in vantaggio 1-0 grazie ad un gol di Altafini; l'arbitro Gonella fu minacciato da Mazzola negli spogliatoi e nella ripresa ci penalizzò tantissimo, e perdemmo la partita. Rigore contro, gol in fuorigioco e fummo sconfitti 2-1".



"Da quel momento in poi ho messo un nostro dirigente davanti alla porta dell'arbitro - prosegue Ferlaino-. Ricordo di aver reclamato, ma il successo lo si ha chiamando Collina per un appuntamento, oppure diventando consigliere federale o vice presidente al centro tecnico di Coverciano, dove si riuniscono tutti gli arbitri. Anch'io ho presentato dossier sui torti subiti, ma l'ho fatto da consigliere federale, seduto accanto al designatore arbitrale. Altrimenti, i dossier non servono a nulla".

Sezione: News / Data: Mer 10 febbraio 2010 alle 16:30 / Fonte: Kiss Kiss Napoli
Autore: Christian Liotta
vedi letture
Print