Gianluca Manganiello, della sezione di Pinerolo, ha arbitrato la sfida fra Inter e Cagliari, valevole per la seconda giornata di ritorno di Serie A. Terzo gettone per il direttore di gara con i nerazzurri, che nei due precedenti ha assistito ad altrettante sconfitte dell'Inter: una per mano del Chievo nel 2013/2014 e una, molto più recente, l'anno scorso a San Siro per mano del Parma.

Già dall'inizio Manganiello dà la sensazione di voler far giocare molto, sorvolando su molti contatti di gioco considerati non irregolari. Un arbitraggio all'inglese che però alla fine lascia molti dubbi. Risulta strano, ad esempio, che solo i giocatori dell'Inter siano stati ammoniti (De Vrij, Barella e Lukaku), mentre sicuramente ce ne starebbero almeno un paio anche per i sardi (fra i quali risulta ammonito solo il tecnico Maran). Aribitro e VAR decidono però bene in occasione del gol del vantaggio: Lautaro si fa largo, il difensore del Cagliari perde un po' l'equilibrio ma non cade neanche a terra, prima di perdersi la marcatura dell'attaccante.
L'Inter protesta verso il quarto d'ora della ripresa per un blocco forse un po' troppo energico di Oliva su Young: il difendente è a metà fra il frapporsi regolarmente nella corsa dell'inglese e il bloccarlo in maniera fallosa. Si tratta di un episodio molto al limite, comunque non ricontrollato neanche al VAR. La sensazione è che Young stia seguendo la sua traiettoria e venga tamponato in corsa.
In occasione del pareggio del Cagliari, Godin protesta per una gamba forse un po' troppo alta di Joao Pedro, poi l'azione prosegue e Nainggolan pareggia. L'azione non viene neanche ricontrollata al VAR, ma l'intervento dell'attaccante del Cagliari sembra effettivamente falloso. Negli ultimi minuti di gioco Lautaro viene marcato in maniera energica da Walukiewicz, ancora una volta Manganiello lascia proseguire; l'attaccante però protesta energicamente e viene espulso. 

14' - Barella si inserisce in area e di testa, su traversone dalla trequarti, mette alle spalle di Cragno. L'ex Cagliari è però in posizione irregolare, il gol non viene convalidato e il VAR conferma la decisione.

28' - L'Inter va in vantaggio con Lautaro Martinez, che di testa su cross di Young batte Cragno. Vibrate proteste, però, dei giocatori del Cagliari, che sostengono che l'attaccante si sia liberato in maniera fallosa di Walukiewicz. Si va al VAR, ma il gol è convalidato. Subito dopo viene ammonito Maran.

40' - Bastoni esce bene palla al piede, poi viene steso dalla scivolata di Faragò. Ci poteva stare il cartellino giallo per il giocatore del Cagliari.

45'+2 - Il primo cartellino giallo è a fine primo tempo. Intervento molto energico di Lukaku, in ripiegamento difensivo, su Pellegrini. Manganiello estrae il cartellino. Si tratta anche della prima ammonizione in campionato per Lukaku.

61' - Protesta l'Inter per un fallo in area di rigore ai danni di Young. L'esterno riceve da Lukaku e si insinua in area, poi viene fermato da Oliva, per Manganiello in maniera regolare.

61' - Ammonito Barella per un fallo a centrocampo su Nainggolan.

73' - Protestano i giocatori del Cagliari per un contatto sospetto di De Vrij, che ha però il braccio assolutamente lungo il corpo e in posizione regolare.

83' - Simeone anticipa De Vrij, che poi abbatte l'attaccante. Cartellino giallo ineccepibili per l'olandese.

93' - Clamoroso: espulso Lautaro Martinez. L'attaccante protesta vibratamente per un fallo non concesso ai suoi danni. L'arbitro estrae il giallo e subito dopo il rosso diretto. Lautaro poi in preda all'ira scaglia via anche il pallone. La sensazione è che ci sia un contatto ai danni dell'attaccante, e la sua sia una reazione frustrata per l'ennesimo mancato fischio. Ad ogni modo non avrebbe dovuto.

94' - Il Cagliari conquista il corner, che l'arbitro non fa battere per chiudere le ostilità. Manganiello non concede neanche un secondo in più nonostante si sia perso tempo per il rosso a Lautaro. Protesta in maniera accesa Simeone.

VIDEO - ECCO ERIKSEN! LAMPI IN ALLENAMENTO: SOMBRERO AL VOLO AL COMPAGNO

Sezione: Moviola / Data: Dom 26 Gennaio 2020 alle 16:24
Autore: Gianluca Losco / Twitter: @MrLosco
Vedi letture
Print