Neanche il tempo di archiviare la delusione cocente subita contro l'Inter appena due giorni fa che per il Parma è già tempo di pensare alla gara di Verona in programma domani sera. "E’ chiaro che un risultato positivo, a livello psicologico, ti dà qualcosina in più - ammette Roberto D'Aversa ripensando alla beffa del Tardini -. Noi però dobbiamo essere bravi, indipendentemente dal risultato, a resettare: come abbiamo fatto dopo la gara con il Genoa dobbiamo farlo anche dopo la gara contro l’Inter. Ragionando sul fatto che domenica sera, per 85 minuti, abbiamo fatto una grandissima partita e non possiamo farci influenzare in maniera negativa dagli ultimi minuti in cui abbiamo buttato il risultato positivo che sarebbe stato meritato per quello che hanno fatto i ragazzi. La rabbia e la delusione sono proprio per ciò che si è fatto in campo. Dopo aver creato tanto, ci deve far riflettere il fatto di aver portato a casa zero punti. E questo lo abbiamo analizzato. Magari più precisione sotto porta e magari più determinazione, più attenzione e più concentrazione su alcune situazioni perché su entrambi i gol siamo stati un po’ leggeri. Non posso comunque rimproverare nulla a questi ragazzi per quello che hanno fatto in queste tre partite perché, ragionando sul fatto di aver conquistato quattro punti e quasi sette considerati i primi 84 minuti contro l’Inter, non dico fosse impensabile ma certamente non è sempre semplice fare questi risultati anche se ovviamente ci speravamo tutti. Questo è merito dei ragazzi. La mia incazzatura post-gara era dovuta al fatto che questi ragazzi hanno condotto una grandissima partita e meritavano di portare a casa un risultato diverso che, contro una squadra come l’Inter, avrebbe portato giovamento. Questo non è successo, deve servirci da lezione per la sfida di domani. E’ il momento di mettere da parte la gara di domenica sera e pensare a quella contro l’Hellas Verona che non sarà semplice". 

VIDEO - L'ARRIVO DI HAKIMI AL CONI SCATENA I TIFOSI

Sezione: L'avversario / Data: Mar 30 giugno 2020 alle 18:55
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print