Ivan Juric, allenatore del Verona, arriva anche nella sala stampa di San Siro per commentare l'esito del match contro l'Inter. Queste le sue parole, riportate da FcInterNews.it presente col proprio inviato:

C'è tanto amaro in bocca in casa Verona.
"Abbiamo preparato la partita così, stando più bassi. A lungo abbiamo fatto abbastanza bene, nella ripresa volevamo alzarci. Siamo mancati nelle ripartenze, non abbiamo approfittato degli spazi".

Come sta Zaccagni?
"E' un cambio non dovuto a problemi fisici".

Pensava di cambiare Salcedo?
"Sì, ma avevo un solo cambio e volevo vedere se qualcuno non ce la faceva".

Differenze tra Juve e Inter?
"Con la Juve abbiamo provato a prenderli più alti. La Juve ha grandi qualità tecnica, l'Inter è più tosta pur non avendo la qualità della Juve. Ti regalano poco, stanno sul pezzo".

Nel secondo tempo più meriti dell'Inter o voi potevate giocare più alti?
"
Abbiamo sofferto gli ultimi 15 minuti accettando gli uno contro uno, ma in quelle situazioni bisogna rubare palla e non riuscivamo.

Salcedo lo vede più prima punta o esterno in futuro?
"E' in fase di sviluppo, può fare anche il trequartista e la punta centrale. Reggere per un ragazzo della sua età".

Come giudica i trequartisti?
"Mi aspetto molto di più, con squadre così. Non mi sono dispiaciuti ma potevamo fare meglio".

FcIN - Come è nato il vostro gol? Dalla difesa a sei è partito un contropiede, quanto c'è di preparato e perché non si è riusciti a ripetere dopo?
"Abbiamo sbagliato tanti passaggi perché sul primo pressing non riuscivamo a tenere il pallone. Loro si abbassano così, ti danno un attimo per ripartire veloce. Poi non siamo riusciti a riprenderli alti nel secondo tempo".

Difesa a sei preparata?
"Volevamo farla così, l'Inter ha giocatori fisicamente superiori ai nostri e quindi non volevamo dare gli inserimenti dei mezzali. Questa era l'idea, poi quando vedi l'Inter capisce che non va in ansia, hanno altre armi".

VIDEO - DELIRIO TRAMONTANA AL GOL DI BARELLA!

Sezione: L'avversario / Data: Sab 9 Novembre 2019 alle 20:30 / Fonte: Dall'inviato a San Siro
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print