Addio settlement agreement: l'Inter dovrà comunque mettere a bilancio una trentina di milioni di plusvalenze entro il 30 giugno, ma poi potrà investire sul mercato con maggiore libertà rispetto alle scorse annate. "È questa l’intenzione di Suning, anche se molto dipenderà ovviamente dalla qualificazione alla prossima Champions, dal costante aumento dei ricavi e pure dalle eventuali cessioni di giocatori dalla valutazione importante come Icardi Perisic - sottolinea Tuttosport -. Questa tripla combinazione, però, permetterà a Marotta Ausilio di puntare con decisioni sugli obiettivi di mercato (l’Inter la prossima stagione avrà meno limitazioni nel compilare la lista Uefa che tornare a essere di 25 giocatori)".

E la lista stilata dal quotidiano torinese contiene anche un nome nuovo: si tratta del nazionale brasiliano Richarlison (parteciperà alla Copa America insieme all’interista Miranda). "Classe ’97, jolly d’attacco - può giocare da ala sinistra, ma anche a destra, da prima e seconda punta -, in questa stagione con l’Everton segnato 13 reti in 35 gare. Acquistato due anni fa dal Watford per 12 milioni dalla Fluminense, nell’estate 2018 Richarlison è passato all’Everton per 56 milioni di euro - puntualizza TS -. Come si evince, non è un obiettivo in saldo, anzi, l’Everton lo valuta più di 65 milioni (Psg e Atletico Madrid hanno già bussato alla porta), ma è un nome che l’Inter ha inserito nella sua lista degli obiettivi offensivi ben sapendo che non sarà semplice strapparlo ai Toffees. Ma l'Inter potrebbe avere una carta interessante per cercare di abbassare l’esborso economico: Joao Mario è infatti nel mirino dell’Everton e il portoghese ha una valutazione di almeno 20 milioni".​

Gli altri profili per l'attacco sono quelli noti di Edin Dzeko, Federico Chiesa, Steven Bergwijn, Nicolas Pepé, Alexis Sanchez e Romelu Lukaku.

VIDEO - ESPOSITO STREPITOSO: CHE PUNIZIONE ALLA FRANCIA

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 18 Maggio 2019 alle 08:15 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print