Torna di moda lo scambio tra Mauro Icardi e Paulo Dybala. I problemi dei due argentini con i rispettivi club di appartenenza potrebbero dunque essere risolti semplicemente con un accordo tra Inter e Juventus: Maurito a Torino e Paulo a Milano. Possibile o no? La Gazzetta dello Sport rilancia lo scenario e spiega i pro e i contro.

"All’Inter servono 40 milioni di plusvalenze entro il 30 di questo mese, la stessa Juventus cedendo Dybala sistemerebbe un po’ di conti - si legge -. Mauro e Paulo sono iscritti a bilancio per cifre basse: Icardi 'pesa' 2,5 milioni, Dybala 17. Una doppia cessione a cifre alte, magari intorno agli 80 milioni per entrambi, permetterebbe di sistemare i bilanci senza ipervalutare i cartellini". E, ovviamente, c'è da considerare anche l'aspetto tecnico-tattico. Ma attenzione ai 'contro'. In primis, il grande rischio di sbagliare valutazione e rafforzare una rivale. E poi va detto che Dybala a torino sta bene, non ha rotto con lo spogliatoio e a più riprese ha fatto capire di non voler cambiare aria.

"Di certo c’è che la cessione liberebbe Antonio Conte di un problema evidente di gestione - spiega la rosea -. La frase con la quale il neo tecnico ha commentato alla Bbc il discorso Icardi è solo apparentemente diplomatica: «Valuteremo tutte le situazioni e prenderemo le migliori scelte per il club». In realtà il club ha già deciso da tempo: Icardi non fa parte del progetto tecnico della prossima stagione, perché lo strappo dello scorso inverno è troppo grande per poter essere ricucito". Inter e Juventus si annusano, dialoghi embrionali. Un oscambio è possibile, ma non sarà semplice.

VIDEO - TUTTA LA LEADERSHIP DI CONTE: LO SPETTACOLO NELLO SPETTACOLO DELL'EX CT A BORDO CAMPO

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 1 Giugno 2019 alle 08:15 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print