A quattro giorni dalla gloria conquistata dal Flamengo grazie alla vittoria nella finale di Copa Libertadores contro il River Plate, Marcos Braz, vice presidente del club Rubronegro, si gode due delle sue ultime intuizioni, Gabigol e Jorge Jesus: "Le mie scelte sono sempe approvate dal presidente Landim - dice a Globoesesporte -. È lui che dà la tranquillità affinché possiamo arrivare e fare tutto ciò che è stato fatto per il Flamengo. C'è anche la dirigenza fatta da persone che analizzano e danno la loro opinione. Il successo è di tutti. Ho chiamato Jorge, ma tutti hanno un merito, soprattutto Landim".

Curiosamente, proprio come nel caso del tecnico portoghese, anche il futuro del bomber brasiliano è incerto: "Il risultato della finale non cambia nulla - spiega Braz -. Le persone che si prendono cura della sua carriera di Gabigol sono serie, così come lo è il Flamengo. Gabriel è campione, il Flamengo pure. Ovviamente i due gol segnati da Gabriel sono stati molto importanti, ma non c'è molto da dire. Nella mia intervista di qualche tempo fa sembrava che avessi un problema, ma non è affatto un problema. Se c'è una persona che ha combattuto perché il giocatore fosse qui, quello sono io. Ovviamente ho avuto tutto il sostegno del presidente, di altre persone, ma ho sempre creduto in lui e nelle sue caratteristiche. Penso che fosse ciò di cui Flamengo aveva bisogno. Sono molto calmo e felice con Gabriel e i suoi gol. Tutto sarà risolto al momento giusto".

VIDEO - GABIGOL, FESTA CONTINUA: SCARPINI PERSONALIZZATI PER LA DOPPIETTA IN FINALE DI LIBERTADORES

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 27 Novembre 2019 alle 17:58
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print