E' stato aggregato a sorpresa al ritiro di Riscone di Brunico di Roberto Mancini, ma Pedro Delgado ha mostrato il proprio valore a chi ha assistito agli allenamenti dei nerazzurri in Trentino e ai microfoni di Record racconta tutto quello che ha preceduto la chiamata di Mancini e quello che poi è accaduto a Riscone: "Ero in vacanza con i miei genitori a Portimao quando il mio agente mi disse che dovevo andare a Riscone. Ero molto felice, ma, lo confesso, in cuor mio speravo nella mia chiamata. Io spero di poter giocare a lungo nella Serie A, anche se non chiudo la porta ad un ritorno. Mancini? Il mister mi ha fatto i complimenti per il mio piede sinistro dicendomi che era fantastico. Giocare contro il Bayern per me è un sogno che si è realizzato. Ora gioco contro giocatori di altissimo livello, grandi squadre.

Nervoso per il Derby? No, sono stato molto tranquillo. Pur giocando da titolare non ho sentito la pressione e ho tentato di fare tutto quello che Mancini mi aveva chiesto. Fare quello che so fare e mostrare il mio valore per far capire che non ero lì per caso. Contro il Real Madrid? Non ho giocato, però ho parlato all'intervallo con Cristiano Ronaldo e lui mi ha dato la sua magli a fine gara. E' un fuoriclasse".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 12 agosto 2015 alle 16:33
Autore: Gianluca Scudieri / Twitter: @JeNjiScu
vedi letture
Print