Il tecnico nerazzurro Antonio Conte si è soffermato ai canali ufficiali del club per esprimere le sue considerazioni in vista della gara contro il Bologna in programma per domani pomeriggio. Ecco le sue dichiarazioni: 

Si riparte da una goleada, cosa si fa in questi casi?
“Si riparte dopo una buona partita ben giocata, giocata anche a ritmi alti per tutti i novanta minuti quindi la componente entusiasmo è importante ma deve essere quotidiano. La squadra sta bene, ha voglia di fare, sappiamo anche di incontrare una squadra che sta bene fisicamente, sarà una bella partita”.

Quanto è cambiato il Bologna dall'andata?
“È una squadra con ottimi valori allenata da un ottimo tecnico. Predilige giocare ad alta intensità, ricordo benissimo la partita d’andata vinta ma con fatica. Rimontammo da 1-0 a 2-1, sappiamo che partita ci aspetta, i ragazzi sono preparati. Anche a noi piace giocare con aggressività e ritmi alti. Domani sarà uno scoglio duro”.

Domani orario nuovo…
“Sì, per noi è la prima volta che giochiamo a quell’orario, sicuramente farà molto caldo per noi ma anche per loro. Bisogna vedere che ritmi riusciremo a portare ma siamo due squadre che amano i ritmi alti e non credo che il clima possa cambiare totalmente il gioco delle due squadre”.

I sei diversi marcatori sono un risultato importante?
“Penso che questa sia una caratteristica di questa squadra, il fatto che segnino sei differenti giocatori in una partita significa che portiamo diversi uomini nella fase offensiva. C’è una statistica che mostra che l’Inter  è la squadra in cui hanno segnato più giocatori a dimostrazione del fatto che c’è coinvolgimento totale tra fase di possesso e non possesso”.

Molti parlano di turnover, è riduttivo?
“È importante avere la possibilità di avere abbondanza in rosa perché ti permette di ruotare e creare competizione all’interno del gruppo. È inevitabile che il lavoro che si fa quotidianamente permette ai giocatori di ruotare perché il giocatore che entra sa perfettamente cosa deve fare. Giusto fare rotazioni e che l’Inter ne abbia la possibilità. L’importante che chi entra sa ciò che deve fare”.

È presto avere Brozovic dal primo minuto?
“Siamo contenti di riavere Brozovic a disposizione, ha avuto questo piccolo problema al gemello oggi risolto. Inevitabile che rispetto agli altri ha perso qualche giorno di allenamento quindi un po' di condizione, ma l’importante ha recuperato da un punto di vista fisico e che sia a disposizione. Valuteremo le cose migliori per lui in modo che sia pronto per tornare a giocare”.

Palacio e Mihajlovic hanno fatto tanto all’Inter, sono motivazioni in più?
“Palacio sta facendo un grandissimo campionato, all’andata giocò una partita incredibile. Studiando il Bologna capiamo che è un giocatore di intelligenza calcistica superiore, gioca per la squadra. Per quanto riguarda Sinisa, parliamo di un tecnico che ha dimostrato tutto il suo valore oltre ad essere una grande persona a cui voglio molto bene. Domani affronteremo un duro ostacolo, dovremo essere bravi”.

Il cooling break è importante anche per dare indicazioni?
“Sì anche se penso che sia più utile a livello di idratazione perché a queste temperature sia importante che i giocatori possano bere, necessario farlo”.

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 04 luglio 2020 alle 17:36
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print