L’intervento di Andrea Stramaccioni su SkySport a poche ore da Juventus-Inter parte dallo storico 3-1 nerazzurro allo Stadium: "È un ricordo molto bello, un traguardo che è rimasto nella memoria di molti interisti. Mi colpisce pensare che Conte e Pirlo in quella partita erano dalla stessa parte, mentre domani saranno avversari" ricorda Strama.

"Se quella Juve è simile a questa Inter? Avendo l’Inter nel cuore spero che lo diventi, ma ancora non lo è - sottolinea l’ex tecnico nerazzurro -. Adesso ha messo un primo tassello con lo scudetto e deve essere un punto di partenza per un popolo che era da dieci anni che soffriva. Credo che Conte e l’Inter abbiano messo le basi per un ciclo importante, quella Juve era una macchina da guerra già rodata e più avanti anche come rendimento europeo". 

Il discorso si sposta poi sull’importanza di Antonio Conte: "Il lavoro più importante che riconosco a Conte è aver creato una filosofia, ora si va in questo solco di lavoro e solo lui può continuare con la stessa intensità. Ora si può essere chiari sul progetto tecnico, mentre prima ogni anno si poteva avere incertezza. Ora l'Inter ha un’identità riconosciuta, ma la grande incognita è una dimostrazione europea dove l’Inter non è riuscita a far vedere quando di buono ha fatto in Italia".

Quello di Lautaro Martinez è tra i tre nomi imprescindibili per l’anno prossimo? Secondo Stramaccioni sì: "Da allenatore dico che o trovo uno che possa rimpiazzarlo o farei di tutto per non perderlo, perché per giocare come vuole Conte le due punte sono il punto cardine. Lukaku è un giocatore atipico, potente e veloce che ama attaccare ma anche dialogare con i compagni. Non è facile trovare un altro giocatore adattabile a lui, ma se ho vinto lo scudetto con quella coppia io non lo smembro mai. Quando si pensa all’inter a livello mondiale ora si pensa a Lukaku e a Conte, è il più famoso della maggior parte dei giocatori. Poi la squadra è diventata vincente quando la difesa ha iniziato ad essere impenetrabile. La partita chiave è stata la vittoria con l’Atalanta: lì l’Inter ha saputo soffrire, potevano giocare tre giorni e davano l’idea di non prendere gol. E poi è importante Handanovic, che è il primo playmaker dell’Inter e questo secondo me nello scacchiere ha un ruolo fondamentale per come si è evoluto il calcio moderno".

Su Juventus-Inter, Strama sottolinea invece che "è la partita ideale per l'Inter, e c'è anche la voglia di rivalsa di Conte. Sfido chiunque a dirmi che avrebbe previsto che l'Inter si sarebbe trovata in questa situazione a due giornate dalla fine del campinato, decidendo le sorti della Juventus in Champions. E ricordiamo che le ultime lacrime della stagione sono state nella notte di Coppa Italia con l'eliminazione: dall'alba del giorno dopo nasce l'Inter da scudetto". 

Chiosa sul futuro: "Dove andrò ad allenare? Ci sono delle offerte molto importanti ma sono molto lontane, a livello personale c’è qualche remora visto il periodo storico. Ho preso tempo, vediamo. Magari esce qualcos’altro".

VIDEO - ACCADDE OGGI - ELOGIO DELLA SPENSIERATEZZA: STRAMA PIEGA LA JUVE A DOMICILIO, E' 3-1 (2012)

Sezione: Focus / Data: Ven 14 maggio 2021 alle 15:55
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print