Complimenti al compagno di Nazionale Romelu Lukaku, ma anche un pizzico di malcelata amarezza per i mancati riconoscimenti nel suo Paese. Thibault Courtois, portiere del Real Madrid, si sfoga ai microfoni di Het Laatste Nieuws lamentando il fatto di non essere ritenuto esattamente un profeta in patria: "Posso capire che Romelu Lukaku vinca il premio per il miglior giocatore belga all'estero. Direi che se lo merita. Ma il fatto che io non sia stato nemmeno nominato per il premio, né per il premio di sportivo dell'anno, mentre erano presenti altri giocatori, lo trovo ridicolo. Penso di sentirmi più apprezzato in Spagna o anche fuori dalla Spagna rispetto al Belgio. Nel 2020 ho vinto la Supercoppa di Spagna con una parata decisiva ai calci di rigore. Poi ho letto da alcuni analisti che non meritavo nessun trofeo, mentre Lukaku sì, perché non ho risposto alla convocazione in Nazionale. Mi sono perse quelle partite in estate perché sentivo di aver bisogno di un adeguato riposo per preparare la stagione".

Sezione: Focus / Data: Dom 07 marzo 2021 alle 15:56
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print