"Il periodo peggiore è alle spalle perché con le certezze sportive si stanno materializzando anche le certezze societarie. Nel momento più delicato ha avuto la fortuna di avere una dirigenza capace di reggere l'urto che arrivava dall'esterno. Non c'è una tranquillità assoluta perché nessun club ce l'ha, dati i numeri dell'intera stagione". Parole e musica di Marco Bellinazzo, giornalista de Il Sole 24 Ore protagonista di un'intervento durante la diretta Twitch di Calciomercato.com. 

"L'accordo che sarà sottoscritto a breve sul prestito che garantirà all'Inter di arrivare serenamente a fine stagione permetterà a Suning di programmare una nuova stagione di rafforzamento - prosegue il giornalista -. Molto dipende anche dalla UEFA e da come sarà gestito il fair play finanziario. Oggi non esiste un club in grado di rispettare le vecchie regole del FFP ed è evidente che quelle regole dovranno essere riviste e in base a come si evolveranno capiremo anche come si potrà operare. L'idea di vendere l'Inter non c'è più, fermo restando che se arrivasse qualcuno con un miliardo in mano qualche pensiero Suning lo farebbe. Di sicuro i progetti futuri non saranno di grande sforzo economico e quindi saranno diversi al passato dove sono stati spesi oltre 600 milioni fra varie voci nei primi anni". 

Sulle possibili cessioni pesanti per avere soldi freschi, Bellinazzo aggiunge: "In questo momento la possibilità di fare plusvalenze è molto più bassa del passato, ma nessuno oggi si può permettere di non poter fare questo tipo di cessioni. Per quanto riguarda l'Inter in questa fase c'è meno necessità di vendere un big rispetto alla Juventus, ma comunque siamo in una situazione in cui si dovrà ragionare su tutto il futuro".

Sezione: Focus / Data: Lun 12 aprile 2021 alle 21:01 / Fonte: Calciomercato.com
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print