Arriva una stroncatura pesante per Xherdan Shaqiri, meteora interista oggi in forza al Liverpool dove ha conquistato Champions League e Premier negli ultimi due anni, seppur con un ruolo da gregario. Arno Rossini, voce e guida molto conosciuta del calcio elvetico, intervistato dal portale Tio.ch apostrofa così il giocatore di origini kosovare: "Xherdan non è un campione. È un buon giocatore che ha avuto la fortuna di militare in squadre vincenti. Non possiamo certo dire che abbia lasciato il segno con le squadre con le quali ha vinto. Non con le grandi almeno. È stato protagonista a Basilea, non certo al Bayern o a Liverpool. Infortuni a parte, il suo grande limite è sempre stata la continuità. Su 90’ ne gioca forse 15’. E questo di sicuro non spinge gli allenatori a metterlo in campo. l mister di turno non perde troppo tempo con un calciatore che in una rosa importante è solo uno dei tanti. Ci prova, lo spinge, ma dopo qualche mese lo mette da parte puntando su uno degli altri. Sta a lui guadagnarsi la ribalta. Io non so in quanti fra dieci anni si ricorderanno di lui". 

Sezione: Ex nerazzurri / Data: Gio 02 luglio 2020 alle 22:43
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print