A fuoco lento. Senza fretta aspettando il pertugio giusto. L'Inter scruta l'orizzonte e resta vigile su N'Golo Kanté. La prima scelta nerazzurra assoluta per il mercato estivo come vi raccontiamo da diverso tempo. Il Chelsea per ora fa muro e chiede 70 milioni cash. Tanti, troppi in un mercato asfittico e post Covid-19. Arrivasse a Londra anche Declan Rice dal West Ham uno tra il francese e Jorginho sarebbe di troppo. Ecco perché è meglio farsi trovare pronti. L'Inter dialoga sotto traccia da settimane con l'agente dell'ex Leicester, ma non ha ancora avanzato una proposta al Chelsea. L'idea sarebbe quella di investire 50-55 milioni, magari con un prestito molto oneroso (15 milioni) con obbligo di riscatto. Prima bisogna fare cassa con gli esuberi e raccogliere quel tesoretto necessario a finanziare l'assalto a Kanté, considerato fondamentale e prioritario per Antonio Conte. Anche a costo di qualche sacrificio illustre e di un mercato low cost in altro settori (difesa, esterni, quarta punta). Per Kanté (legato al Chelsea fino al 2023) sarebbe pronto un ricco quadriennale ad altezza Christian Eriksen, forse anche leggermente più elevato sfruttando il Decreto Crescita.

Le ultime due settimane di mercato potrebbero accendere una pista che finora gli uomini mercato nerazzurri battono a fari spenti. Aspettando il momento giusto per entrare in azione. D'altronde anche il Chelsea deve vendere e finora non è riuscito ancora a piazzare nessun esubero (Fikayo Tomori, Davide Zappacosta, Emerson Palmieri, Timoue Bakayoko, Michi Batshuayi eccetera). E in questo contesto il rischio di accettare semplici prestiti è dietro l'angolo. Inevitabile quindi che per rientrare, almeno parzialmente, dai 223 milioni investiti sia necessaria una una cessione. Preferibilmente Jorginho, ma occhio proprio a Kanté, che non è un intoccabile assoluto per Frank Lampard come lo era per Conte e Maurizio Sarri. Ecco il possibile perturgio dove infilarsi per strappare il campione del Mondo 2018 a Roman Abramovich.

Sezione: Esclusive / Data: Gio 10 settembre 2020 alle 17:30
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print