Il reparto degli esterni offensivi è destinato a essere rivoluzionato nella prossima stagione. Ivan Perisic e Antonio Candreva sono in uscita e il riscatto di Keita Baldé appare complicato (troppi i 34 milioni fissati dal Monaco). Almeno due se non addirittura tre saranno gli innesti estivi sulle corsie laterali d'attacco. Un nome segnato in rosso sulla lista dell'area tecnica interista è quello di Steven Bergwijn. Il folletto del Psv Eindhoven è stato visionato più volte dal vivo in questi ultimi mesi dagli scout nerazzurro e sempre promosso a pieni voti. 

DUTTILE - Di Bergwijn piace molto - oltre alla velocità da centometrista e la grande tecnica palla al piede - la grande duttilità tattica. L'olandese, infatti, può giocare indifferentemente a destra o sinistra. Un jolly offensivo estremamente prezioso per un club che vuole essere protagonista su tre fronti. Dall'Olanda hanno già fissato il prezzo intorno ai 35 milioni cash per cedere il classe 1997. Classe e fantasia testimoniata dai numeri: già 12 reti e 12 assist in Eredivisie in 27 presenze. Rendimento da top player per il calcio olandese che dimostrano come l'ala nata ad Amsterdam sia pronta per il grande salto in una big. 

CONCORRENZA - In Premier League diversi club hanno chiesto informazioni. Occhio però al Bayern Monaco che ad oggi è la squadra apparsa più calda nonché pronta a entrare subito in azione. Bavaresi in pressing dunque, ma anche l'Inter ha già allacciato i primi contatti con Psv e l'entourage del calciatore. Con l'obiettivo di provare ad abbassare il prezzo del cartellino tramite l'inserimento di una possibile contropartita tecnica. Occhio quindi al nome di Yann Karamoh, che gli olandesi avevano già richiesto in prestito all'Inter nella scorsa stagione e che potrebbe, eventualmente, vivere altri dodici mesi all'estero per maturare ed esplodere definitivamente dopo gli alti e bassi di questa stagione col Bordeaux.

VIDEO - DALLO "SCAVETTO" MANCATO DI ICARDI ALLA PERSA DI GAGLIARDINI, TRAMONTANA S'INFURIA

Sezione: Esclusive / Data: Lun 8 Aprile 2019 alle 16:00
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print