Dalla Spagna non hanno dubbi. L’Inter nell’ultima sessione di mercato ha provato a portare a Milano Marc Roca, talentuoso centrocampista 22enne dell’Espanyol. Poteva sembrare una delle solite boutade di mercato. In realtà, secondo quanto risulta a FcInterNews.it, dopo un controllo approfondito in terra iberica, i nerazzurri erano realmente interessati all’ingaggio del giocatore. Un tentativo è stato fatto. Tant’è che ne hanno provato a parlare sia con la società detentrice del suo cartellino che con l’agente del calciatore. Ma la trattativa è stata bloccata sul nascere. Per privarsi di un atleta così importante nella sessione invernale il club catalano avrebbe preteso il pagamento dell’intera clausola rescissoria, pari a 40 milioni di euro.

L’Inter dal canto suo, ancora sotto settlement agreement, non si sarebbe potuta spingere oltre un prestito con diritto di riscatto e quindi non se n’è fatto nulla. E la Beneamata non è andata minimamente vicina ad una proposta che si potesse avvicinare ai desiderata spagnoli. Ma ciò non toglie che nel brevissimo tempo la questione possa cambiare. Il giocatore infatti, pur pensando chiaramente adesso al bene del suo attuale club e a disputare nel miglior modo possibile l’Europeo Under 21 dei mesi a venire, si è sentito lusingato dell’interesse di una società tanta gloriosa e importante come quella nerazzurra. 

Per questo è plausibile pensare che nella prossima sessione di calciomercato ne si possa riparlare. L’Espanyol quando deve vendere i suoi gioielli, non si fa problemi, vedi Gerard Moreno, e con un’estate davanti, potrebbe anche “accontentarsi” di cifre inferiori, come 25/30 milioni di euro. D’altronde Roca è quel tipo di profilo che davvero manca alla mediana nerazzurra, un mix, con le dovute proporzioni, tra Xabi Alonso e Sergio Busquets. Grande tecnica e visione di gioco per un playmaker che corre e lotta per tutti i novanti minuti.

VIDEO - IL TORO MANDA IN VISIBILIO TRAMONTANA: L'INTER SBANCA PARMA

Sezione: Esclusive / Data: Dom 10 Febbraio 2019 alle 20:12 / articolo letto 24611 volte
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna