Nessun caso relativo al presunto mancato pagamento da parte dell'Inter per il trasferimento di Achraf Hakimi dal Real Madrid. Come riportato da Repubblica, infatti, nelle scorse settimane il club nerazzurro ha trovato un accordo per differire il pagamento del cartellino del laterale marocchino. La prima rata da 10 milioni (su 40 totali dovuti) che era prevista per lo scorso dicembre verrà versata il prossimo 30 marzo.

Intanto nella giornata di ieri è andato in scena un incontro informale tra i calciatori, l'allenatore Antonio Conte e i due amministratori delegati nerazzurri: Beppe Marotta per l'area Sport e Alessandro Antonello per quella Corporate. È stata l'occasione per fare il punto sulla situazione societaria e i tempi di pagamento degli stipendi non ancora saldati. È stato assicurato alla squadra che gli stipendi di luglio e agosto saranno pagati entro il 16 di febbraio. Il club adempirà regolarmente anche agli impegni di novembre e dicembre nel rispetto delle norme FIGC. "Se il pagamento al 16 febbraio delle mensilità dovute per la scorsa estate è tassativo (pena la perdita di punti in campionato, come previsto dalle norme federali) per le tranche di novembre e dicembre il dialogo è aperto. L'argomento, che interessa diversi club, sarà affrontato anche nel prossimo Consiglio Federale, in calendario a fine mese. Qualsiasi sarà il quadro concordato a livello di Figc e Serie A, resta poi per i club la possibilità di stipulare accordi singoli con ciascun giocatore, in merito all'ammontare e ai tempi di pagamento di compensi e bonus", spiega la testata nella sua edizione online.

Sezione: Copertina / Data: Sab 16 gennaio 2021 alle 19:29
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print