A margine dell'assemblea dei soci dell'Inter, Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato e storico piccolo azionista del club nerazzurro, si esprime sulla vicenda legata allo stadio nuovo: "Diciamo che è indispensabile per poter competere a livello mondiale coi grandi club. Ma questo non vuol dire che bisogna abbattere per forza San Siro: ho chiesto alla società di valutare senza preclusioni la possibilità di mantenere San Siro accanto al nuovo stadio, per poterlo utilizzare per concerti e partite di cartello. Il Comune deve per questo creare i presupposti, non deve far pagare più il canone di locazione visto che abbatterebbero l'impianto, e non deve diminuire l'edificabilità del progetto in base al piano presentato dalle squadre. In questo modo rimane solo il costo di mantenimento da 8-10 milioni l'anno, che può essere sostenuto tranquillamente dai club avendo i ricavi del nuovo stadio. Spero che tutte e due gli stadi vengano considerati. Se vogliono decidere di giocare il derby a San Siro o vogliono eliminare il terzo anello va bene, l'importante è non cancellare la memoria storica e affettiva di San Siro. Pensando anche che la demolizione comporta un danno economico e ambientale per la città; se il Comune vuole fare il suo ruolo e diventare protagonista, dica alle società che non leverà metri cubi rispetto al progetto e non farà pagare la locazione, ma gestirà entrambi gli stadi". 

Di seguito il video dell'intervento (clicca qui per vederlo da app).

Sezione: Web Tv / Data: Lun 28 Ottobre 2019 alle 16:14 / Fonte: Dall'inviato Mattia Todisco
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print