Tanta voglia d'Europa per Romelu Lukaku, che torna a calcare il palcoscenico della Champions nel match contro il Barcellona dopo aver trascinato l'Inter contro lo Slavia con un gol, due assist, una traversa e due reti annullate. Antonio Conte si augura che domani il belga sia in versione Praga, sicuramente spera faccia una migliore prestazione rispetto a quella anonima con la Roma. Difficile prevedere che Lukaku si vedrà davanti ai 72mila di San Siro: in Europa, finora, le cose sono andate peggio rispetto al campionato, soprattutto nelle due sfide contro il Borussia Dortmund, gare dove il belga non è riuscito a lasciare una traccia, venendo sempre sostituito: all’andata a Milano, il 23 ottobre, quando l’Inter ha vinto 2-0 è stato addirittura tolto dopo 17 minuti della ripresa, con il giovane Esposito che, al suo posto, entrò e si procurò un rigore, poi sbagliato da Lautaro; al ritorno in Germania, il 5 novembre, ha invece lasciato il campo al 28’ della ripresa, sul risultato di 2-2 (al suo posto Politano).

Come detto, Romelu si è poi ampiamente rifatto contro lo Slavia Praga, e in più ha un conto aperto con i catalani che interruppero il percorso del suo Manchester United nella scorsa edizione della Champions. Anche allora il gigante di Anversa non iniziò bene in Europa, anzi, peggio di quest’anno visto che nel girone non realizzò neppure una rete. Negli ottavi, però, Lukaku si rifece ampiamente a Parigi nella sfida di ritorno contro il Psg: dopo la sconfitta per 2-0 a Manchester, infatti, i Red Devils vinsero al Parco dei Principi per 3-1 con una doppietta dell’attuale numero nove nerazzurro. Lo riporta Tuttosport

Sezione: Rassegna / Data: Lun 09 dicembre 2019 alle 09:00
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print