Mauro Icardi torna sul 'luogo del delitto'. Il Mapei Stadium non gli ha mai portato una gran fortuna: una volta il litigio con i tifosi nerazzurri, un'altra il rigore fallito... Oggi Maurito spera che la storia cambi, per lui e per la squadra. "Icardi è oggi a tutto tondo il capitano dell’Inter: l’arrivo di Lautaro Martinez (con cui farà coppia pure in Nazionale) gli ha consegnato un partner con cui dialogare, la solidità di Suning gli ha consegnato una squadra da corsa e con Luciano Spalletti ha trovato un tecnico programmato per esaltare il terminale offensivo di ogni squadra che allena - sottolinea Tuttosport -. Nonostante da Madrid abbiano nuovamente agitato lo spettro di un interessamento del Real (ipotesi fantascientifica alla luce della querelle alla Fifa tra le due società per il caso Modric), il futuro di Icardi sarà a tinte nerazzurre. Il rinnovo di contratto, con annesso adeguamento, sarà una formalità come lo è stato quello di Spalletti, tanto che sono sempre più frequenti le indiscrezioni sul fatto che tra Piero Ausilio e Wanda Nara si sia già trovato un accordo in attesa di essere soltanto ratificato con piena soddisfazione delle parti". E, intanto, lui da buon centravanti ha messo nel mirino il 4° posto di Altobelli (126 gol) nella classifica dei bomber all-time dell'Inter: "Facilmente raggiungibili, alla luce del ritmo con cui segna Icardi, sono Vieri (103), Boninsegna (113) e Sandro Mazzola (116). Però, di questo passo, basterebbe un biennio all’argentino per superare pure Benito Veleno Lorenzi che è al secondo posto a quota 136: in questo caso, davanti a sé l’uomo di Rosario avrebbe soltanto quel monumento che corrisponde al nome di Giuseppe Meazza". 

Sezione: Rassegna / Data: Dom 19 agosto 2018 alle 11:10 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print