Cinque anni all'Inter per Gianluca Pagliuca, che ricorda così su Tuttosport la sua lunga parentesi nerazzurra: "E’ stato il momento più bello della mia carriera. Volevo migliorarmi, ci sono riuscito con una grande squadra. L’Inter ti lascia qualcosa dentro. Sono state cinque stagioni belle, indimenticabili come quelle che ho trascorso a Genova".

Su Handanovic. 
"E’ un portiere straordinario, il più forte. Che continua a crescere, stagione dopo stagione. Dallo scorso campionato ha trovato una grande continuità di rendimento, ora non alterna più grandi parate a qualche errore. Secondo me è il portiere più bravo che c’è in Italia". 

Più forte anche di Donnarumma? 
"Oggi sì, lo è anche per l’esperienza, lo è perché ha trovato un grande equilibrio ed è forte anche di testa. Ma stiamo parlando di due grandi portieri, del presente e del futuro. A livello europeo, lo metto insieme a Oblak, Ter Stegen e Alisson. Questi sono i migliori in circolazione e lui c’è dentro di diritto. Un portiere come Handanovic me lo tengo a lungo, non ci penserei proprio a sostituirlo. E’ un professionista dentro e fuori dal campo. Questo fa la differenza, può giocare ancora ad alti livelli per qualche anno…". 

Cosa ne pensa di Musso e Radu? 
"Sono due giovani interessanti. Musso è un buon portiere ma ha ancora tanto da migliorare. Deve lavorare. Radu è cresciuto tanto a Genova, una piazza importante, esigente. Mi piace molto la sua reattività tra i pali, sta dimostrando di essere pronto. Forse deve migliorare ancora nelle uscite. Ma ha il tempo per farlo…". 

Questa Inter può già vincere? 
"Con Conte è possibile. Con qualche innesto giusto a gennaio credo che questa squadra abbia la forza per competere in Italia con la Juventus". 

Sezione: Rassegna / Data: Gio 21 Novembre 2019 alle 10:05 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print