Il Monday Night di Serie A tra Inter e Atalanta sembra una sfida di Champions per i valori che mette in campo, secondo la Gazzetta dello Sport. Il numero più impressionante - evidenzia la rosea - sono i 122 gol messi a segno in totale dalla due squadre che segnano meno solo del Bayern Monaco campione di tutto. Non è un caso che, ieri, Antonio Conte ha spiegato che "vincerà chi attaccherà meglio".
La Dea mette a referto reti variegate, infatti è la formazione che in campionato ha portato più giocatori a segno (16), un "segnale di fiducia collettivo" per Gian Piero Gasperini. Non sono da meno i milanesi, terzi con 13; dei titolari ne mancano giusto due: Eriksen e Bastoni. Non è impossibile attendersi una pioggia di gol, soprattutto nel secondo tempo: è lì che le due squadre solitamente si scatenano, come successe all'andata. "L’Inter concentra la maggior parte dei suoi gol nella prima mezzora della ripresa (29 sui 62 totali): le gambe vanno, e quando gli altri abbassano la guardia la qualità sale al potere. Qualità che i nerazzurri di Conte esprimono meglio nel gioco aereo (16 gol di testa rispetto ai 6 di Gasp)", chiosa la Gazzetta dello Sport. 

Sezione: Rassegna / Data: Lun 08 marzo 2021 alle 08:40
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print