L'arbitro di Inter-Roma sarà Paolo Tagliavento, non certo un fischietto che piace al popolo nerazzurro. Anzi. "La presenza di Tagliavento a San Siro evoca le manette di Mourinho e un Inter-Sampdoria 0-0 del febbraio 2010 con i nerazzurri ridotti in 9 per le espulsioni di Samuel e Cordoba", ricorda la Gazzetta dello Sport. Una gara colma di errori arbitrali, ma non per la rosea: "Gara diretta ottimamente (nonostante la panolada dei tifosi interisti) dall’ex barbiere (che mostrò il rosso anche a Pazzini) in una stagione di grazia che lo impose anche a livello internazionale. Con Collina passato ai piani alti dell’Uefa, Tagliavento è arrivato a dirigere le big anche in Champions.

Poi una frenata anche per via di un paio di episodi sfortunati capitati ai suoi assistenti: il gol non visto di Muntari e il fuorigioco non rilevato ad Asamoah in Juve-Inter dello scorso campionato. Inevitabile un passo indietro, ma Tagliavento ha saputo ripartire con direzioni di spessore. Domani sarà una sfida tosta, serviva un arbitro di personalità e prestanza fisica. E Braschi non ha avuto dubbi". Dubbi, e tanti, ne hanno invece i tifosi nerazzurri. 

Sezione: Rassegna / Data: Ven 04 ottobre 2013 alle 10:06 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print