"Icardi non ama dividere l'area con un altro attaccante", aveva ammesso Spalletti dopo l'1-1 con il Crotone. Ma la Gazzetta dello Sport riferisce come il tecnico stia pensando seriamente di schierare dal 1' Eder al fianco di Maurito per ovviare allmancanza di incisività che ha colpito l'Inter negli ultimi due mesi. "Eder è generoso e duttile, può muoversi in funzione delle caratteristiche di Icardi, più monotematico nel modo di giocare malgrado recentemente abbia cercato di partecipare maggiormente alla manovra - si legge -. Anche quando l’Inter vinceva però la solitudine in area del capitano era evidente. Con Candreva e Perisic che tendono ad accentrarsi raramente e una batteria di centrocampisti poco portati agli inserimenti in area, quasi sempre Icardi rimane a fare a sportellate con i due centrali avversari.

Un compagno che gli porti via l’uomo e che sappia vedere la porta dunque è prezioso. Anche se per potersi permettere il doppio attaccante Spalletti rischia di dover rinunciare ad entrambi gli esterni offensivi. Che ultimamente saranno anche un po’ appassiti, ma in questi mesi hanno pur sempre garantito un grande aiuto in fase di non possesso". Insomma, secondo la rosea si prospetta una sorta di 4-3-1-2 con Rafinha alle spalle di Icardi-Eder. Perché il canterano del Barça ha la cifra tecnica e l'intelligenza per piazzarsi sulla trequarti e riaccendere l'Inter, anche a dispetto di una condizione fisica non ottimale.

Sezione: Rassegna / Data: Mar 06 febbraio 2018 alle 09:30 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
vedi letture
Print